Maschere tipiche Carnevale di Venezia COMMENTA  

Maschere tipiche Carnevale di Venezia COMMENTA  

Maschere tipiche Carnevale di Venezia
Maschere tipiche Carnevale di Venezia

Eleganti, ironiche, le maschere tipiche del Carnevale di Venezia hanno tutte un tratto in comune: il mistero. Perché il Carnevale annullava le differenze sociali, rovesciando, per un giorno, le regole abituali. E la maschera doveva garantire l’anonimato del possessore, assicurandogli la più completa libertà.


La più famosa è senza dubbio la Bauta, e di certo vi sarà capitato di vederla, anche se non lo sapete. È composta un ampio mantello nero, il tabarro. Il volto è coperto da una maschera bianca e sulla testa campeggia uno strano cappello a tre punte.


Ma se la Bauta era una maschera diffusa tra i signori, tra il popolo ad andare per la maggiore erano le maschere dei mendicanti: il Bernardone, con una gamba di legno e in testa un fazzoletto insanguinato, e il Pitocco.


La più amata dai giovani scanzonati era invece la Gnaga: uomini travestiti da donne che se andavano in giro per le calli miagolando, con una maschera da gatta e un gattino in un cesto.

L'articolo prosegue subito dopo


Le donne, invece, prediligevano la Moretta: un abito in velluto nero con una peculiarità: si chiudeva tenendo un bottone tra le labbra, conferendo alla donna un’aura di mistero.

E ancora: il Mattaccino (un pagliaccio multicolore), il Medico della peste, Zanni (il bifolco venuto in città): le maschere tipiche erano moltissime. A loro si è ispirato Carlo Goldoni per i suoi personaggi della commedia dell’arte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*