Milano, dopo le palme arrivano i banani. Scoppiano le polemiche

Milano

Milano, dopo le palme arrivano i banani. Scoppiano le polemiche

Milano, dopo le palme arrivano i banani. Scoppiano le polemiche

Dopo le contestatissime palme, in piazza Duomo sono arrivati anche i banani. E tornano a infuriare le polemiche per il giardino tropicale voluto da Starbucks, che cambia volto al salotto di Milano.

Le palme che hanno modificato l’aspetto di piazza Duomo, causando tante polemiche tra la cittadinanza, adesso non sono più sole. A far loro compagnia sono arrivati, nella notte tra mercoledì e giovedì, anche dei banani. A finanziare la posa delle piante è stata, come nel caso delle palme, la catena di caffetterie Starbucks. Il gigante americano, a cui si deve l’invenzione del frappuccino, sta per aprire il primo punto vendita italiano proprio nella principale piazza milanese, ma il suo debutto – non certo privo di impatto sulla città – sta dividendo l’opinione pubblica.

Se quasi nessuno ha da ridire sull’apertura della caffetteria, lo stesso non può essere affermato per la risistemazione del verde pubblico che ciò ha comportato.

Nonostante le palme in piazza Duomo non siano una novità assoluta (ma i banani sì), poiché erano già presenti nell’Ottocento, il loro ritorno non è gradito a tutti. Al punto che nella notte tra sabato 18 e domenica 19 febbraio gli alberi esotici sono stati oggetto di un atto vandalico. Alcune piante sono state date alle fiamme e, anche se il principio di incendio è stato prontamente domato, una di esse è stata particolarmente danneggiata dal fuoco.

Palme e banani in piazza Duomo non dividono solo la cittadinanza. L’intellighenzia milanese è altrettanto spaccata sul giudizio. E anche la politica ha avuto da ridire sul giardino tropicale. Salvini e la Lega hanno fortemente criticato l’iniziativa, giudicando questo tipo di piante non adatte al capoluogo lombardo. Perfino Beppe Sala, dopo le critiche arrivate sui social, sembra avere qualche ripensamento in merito.

I maggiori estimatori del nuovo aspetto di piazza Duomo sembrano essere, invece, i turisti, che scattano ogni giorno centinaia di foto e selfie all’ombra – oggi di sicuro più esotica che mai – della Madonnina.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche