Nuove tariffe GTT - Notizie.it
Nuove tariffe GTT
Tariffe

Nuove tariffe GTT

“La nuova offerta tariffaria è stata studiata puntando alla fidelizzazione della clientela”. Così titola un comunicato sul sito dell’azienda torinese.

Una definizione di “fidelizzazione” è: “rafforzamento del legame con il cliente attraverso il miglioramento del prodotto e del servizio offerti”; o ancora “Insieme di tecniche […] che mirano ad agevolare l’instaurazione di un rapporto duraturo con il consumatore”.

Meraviglia! Forse, in un momento di esosi aumenti della benzina, delle assicurazioni e delle pesche, l’illuminata dirigenza ha deciso di rivedere i prezzi al ribasso e aumentare le multe, in modo tale da invogliare tutti a comprare il biglietto e da rendere tutti più “fidelizzati”.

Già, forse. Perché quello che la Gtt ha invece comunicato sono aumenti.

Il peggiore colpisce chi compra biglietti singoli, che passano da 1€ a 1.50€ e anche gli abbonamenti salgono.

Vi sono delle consolazioni, tuttavia.

1) I pargoli fino a 11 anni viaggeranno gratis e fino al 31 luglio 2012 sarà sufficiente che, al momento del controllo, il maggiorenne che accompagna il bambino dichiari che lo stesso ha età inferiore agli 11 anni (si prevede un aumento degli spergiuri).

2) Il vostro dorato biglietto vi permetterà di viaggiare per 90 minuti invece che 70 e i carnet da 15 biglietti costeranno 17.50€, limitando i danni degli aumenti.

3) I trasgressori pagheranno multe salatissime, dai 90€ ai 270€.

Gli stessi trasgressori avranno la possibilità di saldare il conto subito, pagando un balzello di 25€.

I più colpiti saranno quindi coloro che comprano sempre il biglietto, mentre chi, all’urlo “controllore!”, salta giù dalle vetture, starà un pochino più attento.

Sorgono dubbi sulla frase iniziale riguardante la fidelizzazione. Sarà stata messa lì per errore? O per scherzo?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

aprire partita Iva
Economia

Quando conviene aprire partita Iva

di Notizie

Aprire o non aprire partita Iva? Se questo è il dilemma che vi tormenta, ecco una guida veloce per cercare di districarvi nel mondo delle prestazioni occasionali.