Piante grasse da appartamento: come curarle

Casa

Piante grasse da appartamento: come curarle

Le piante grasse con il loro fascino esotico e con le semplici cure che necessitano, sono uno dei modi preferiti per addobbare gli appartamenti. Ma non dobbiamo trascurarle.

Le piante grasse, nella loro grandissima varietà di tipologie e famiglie, sono spesso utilizzate come parte stessa dell’arredamneto degli appartamenti. Conferiscono infatti quel tocco di green esotico che abbellisce l’ambiente delle case che sono prive di giardino. O di quelle con proprietari privi di tempi da dedicare al giardinaggio. È una pianta molto ambita anche da quelli totalmente privi di pollice verde e di interesse nel mondo bontannico: ma, si sa, é sempre bello avere una pianta attorno a noi.

Grande luogo comune di questo tipo di piante è quella delle semplici e poche cure di cui le piante grasse hanno bisogno, con il mito che esse sopravvivono anche in casi di estrema negligenza da parte del proprietario. In realtà come tutte le piante, anche queste necessitano di particolari attenzioni, che è bene conoscere già dal momento dell’acquisto e della scelta.

Prima di tutto è importante tenere presente la grande sensibilità alla temperatura e all’umidità, ed é quindi conveniente collocare le piante in un luogo ventilato e con un livello di umidità basso.

Inoltre è consigliabile porre le piante in vasi, non importa di che forma, dimensione o materiale, ma dotati di un foro per drenare l’acqua sul fondo così da lasciare spazio all’acqua in eccesso di uscire libertamente. É vero infatti che le piante grasse hanno una capacità maggiore di trattenere l’acqua per poter affrontare periodi di siccità, ma questo non ci consente di ignorarle e non annaffiarle. É importante dare alla pianta acqua ma mai in eccesso perché causerebbe danni alle radici e alle strutture biologiche di essa. Generalmente, in periodo primaverile ed estivo si annaffiano ogni 8-10 giorni.

In sostanza, le piante grasse sono piante resistenti e ci concedono alcune sviste ed errori nella coltivazione ma dobbiamo sempre stare attenti a non esagerare!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche