Poliziotto uccide Afroamericano, incastrato. Video

News

Poliziotto uccide Afroamericano, incastrato. Video

Poliziotto ecco un nuovo episodio in cui un poliziotto uccide un afroamericano, questo avviene dopo i fatti che sono successi un po di tempo fa a Ferguson. Anche questa volta gli Stati Uniti sono sconvolti da questa tragedia. Il fatto è successo sabato scorso a Charleston nel South Carolina dove il poliziotto ha ucciso un afroamericano. In un primo momento il poliziotto ha dichiarato di aver sparato solo per legittima difesa, ma il video che è uscito fuori dopo lo ha incastrato in quanto si vede il poliziotto sparare al ragazzo disarmato mentre tenta la fuga.

Poliziotto uccide Afroamericano ma sono in tanti a non capirne le circostanze, fino però all’uscita del video. Tutto ha avuto inizio quando il poliziotto ha fermato l’Afroamericano che era alla guida di una Mecedes. Il fermo è stato fatto in quanto l’uomo aveva il fanalino rotto. Una volta fermi il poliziotto afferma che ne è nata una lite dove l’uomo ha tentato di rubare il suo taser, poi subito dopo durante la fuga è avvenuta l’uccisione.

L’Agente ha dichiarato di aver agito solo perchè ha temuto per la sua stessa incolumità.

Video Poliziotto che uccide Afroamericano le immagini del video rendono l’agente colpevole di ciò che ha fatto, facendo cadere tutta la sua testimonianza. Infatti proprio dalle immagini si vede l’afroamericano che scappa e il poliziotto che spara ripetutamente. L’uomo in fuga si vede chiaramente che è disarmato. Sono stati ben otto i colpi sparati dall’agente. Dopo averlo colpito si avvicina e lo ammanetta per poi tornare al punto dove aveva iniziato a sparare. Dopo il fatto sul posto sono arrivati anche altri due agenti, ma secondo alcune testimonianze pare proprio che questi non abbiano attuato le normali procedure di soccorso. Colui che ha girato il video resta ancora sconosciuto, infatti questo ha consegnato il video ai familiari della vittima restando nell’anonimato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...