Cancellazioni voli Ryanair: scopri se hai diritto al rimborso

News

Cancellazioni voli Ryanair: scopri se hai diritto al rimborso

ryanair

La compagnia aera low cost Ryanair ha cancellato migliaia di voli a causa di un errato conteggio del numero dei piloti a disposizione. Scopri se hai diritto al rimborso del biglietto.

In questi giorni la compagnia low cost Ryanair ha cancellato migliaia di voli creando grossi disagi a circa 400 mila passeggeri. Le persone interessate da queste cancellazioni possono richiedere alla compagnia aerea sia il rimborso del biglietto sia la compensazione. E ora vi spieghiamo il perché.

Cancellazione voli Ryanair

Guai in vista per la famosa compagnia low cost Ryanair. A causa di calcoli sbagliati in merito al turno di riposo dei propri piloti, la compagnia ha cancellato circa duemila voli previsti nelle prossime settimane. Questo disservizio lo subiranno all’incirca 400.000 passeggeri che, come era ampiamente previsto, hanno invocato il rimborso totale per i loro biglietti. Di questo problema ha iniziato ad occuparsi anche la Commissione europea. Anche i singoli governi sono intervenuti in difesa dei consumatori. Inoltre in questi giorni il titolo della compagnia irlandese in Borsa ha perso oltre il 3%. Il motivo di tutti questi voli principali è la mancanza di piloti.

Questo è dovuto a un calcolo errato dei turni di riposo. Sul sito della compagnia è pubblicata la lista completa dei voli annullati. Kenny Jacobs, amministratore marketing di Ryanair, ha dichiarato che le cancellazioni ammonterebbero solamente al 2% del totale dei 2500 voli quotidiani. La compagnia infine ha calcolato che le richieste di rimborso potranno arrivare fino a 20 milioni di euro. Nonostante questo da Ryanair assicurano che non vi è assolutamente una carenza di piloti. Ha annunciato inoltre che verranno introdotti dei buoni fedeltà per i piloti. Questa mossa è stata pensata appositamente per non lasciar scappare gli equipaggi verso altre compagnie.

Rimborso

Si conta che, quotidianamente, siano migliaia le persone che decidono di spostarsi con Ryanair. Per venire incontro alle diverse esigenze che un passeggero può avere, la compagnia irlandese ha a disposizione un’intera categoria sul suo sito ufficiale dedicata alle FAQ. All’interno di questa categoria si potranno leggere tutte le norme in merito ai diritti dei passeggeri.

In materia di rimborsi, la compagnia irlandese è piuttosto chiara. Nel caso in cui il proprio volo subisca un ritardo di più di 3 ore e il passeggero decida di non partire più, Ryanair si impegna a rimborsare prontamente l’ammontare totale del biglietto; il rimborso viene effettuato tramite IBAN ed emesso entro 7 giorni lavorativi. La compagnia irlandese inoltre chiarisce che eventuali polizze assicurative e prenotazioni di hotel non vengono rimborsate da Ryanair. In questi casi per il rimborso bisogna rivolgersi direttamente alla compagnia che fornisce il servizio. Esulano dalla categoria dei rimborsi tutti quei casi in cui il volo venga perso per un ritardo del passeggero. Stessa cosa nel caso di un cambio d’idea improvviso. Se, ad esempio, siete saliti su un aereo in partenza e vi rendete conto che non volete più partire, il biglietto non vi verrà rimborsato.

La compensazione

Il consumatore, oltre al rimborso, ha diritto ad una compensazione in denaro. Questa varia a seconda delle tratte che il passeggero doveva compiere.

Per esempio se il viaggio prevedeva una tratta d circa 1000 km, il passeggero dovrà ricevere circa 250 euro di compensazione. Questa cifra arriva fino a 600 euro per tutti i voli superiori ai 3.500 Km. Medesima cifra per tutti i voli effettuati in Paesi non appartenenti all’Unione Europea. In caso di offerta, da parte della compagnia, di un volo alternativo nel medesimo giorno il costo della compensazione sarà dimezzato. Solitamente il denaro della compensazione viene consegnato in contanti. Volendo il titolare del biglietto può chiedere il pagamento in buoni viaggio oppure altri servizi. Nel caso in cui il passeggero titolare del biglietto venga avvertito con almeno due settimane di anticipo della cancellazione del volo la compagnia potrà evitare di pagare la compensazione. Inoltre è importante sottolineare come la compensazione non si riceve qualora la compagnia aerea dimostri che la cancellazione del volo è dovuta unicamente a fattori imponderabili. In questo senso si fanno riferimento a incidenti, condizioni del tempo particolarmente avverse, scioperi.

Chiaramente non è questo il caso che ha colpito Rynair in questi giorni e quindi i passeggeri a cui è stato cancellato il volo hanno tutto il diritto di ricevere il rimborso e la compensazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche