Scherzo ai tifosi napoletani: "Urla Forza Real Madrid e ti mostro le tette!"
Scherzo ai tifosi napoletani: “Urla Forza Real Madrid e ti mostro le tette!”
Style

Scherzo ai tifosi napoletani: “Urla Forza Real Madrid e ti mostro le tette!”

Scherzo ai tifosi napoletani: "Urla Forza Real Madrid e ti mostro le tette!"
Scherzo ai tifosi napoletani: "Urla Forza Real Madrid e ti mostro le tette!"

Il sito fanpage.it ha deciso di inscenare uno scherzo ai tifosi napoletani. I partenopei sono ironici ma, se si tratta di calcio…

Fanpage ha organizzato uno scherzo ai tifosi napoletani. E a pochi giorni dalla partita Real Madrid-Napoli. Una piece teatrale tutta da ridere in cui una bella turista spagnola si avvicina a ogni tifoso e gli fa una proposta indecente: “Se urli ‘forza Real Madrid’, ti faccio vedere le tette!“. La domanda è: secondo voi, quanti napoletani sono rimasti fedeli alla maglia?

Innanzitutto, la giovane si avvicina ai malcapitati con qualche scusa. “Come si chiama questa strada?” “Posso stare un attimo qua appoggiata alla macchina?”. Qualcuno le risponde: “Pensavo che stavate aspettando un bel giovanotto!”o “Sei Belen Rodriguez?”. Poi le presentazioni e l’invito a sedersi accanto. Invito colto al volo dalla bella ispanica. Qualcuno le chiede di dov’è. Madrid, ovviamente. “Davvero? – esclama un tifoso – Pensa che stasera c’è Real Madrid-Napoli”. “Ma tu guarda”, ribatte lei, fingendo di stupirsi.

Poi prosegue: “Ti devo dire la verità. Da quando sono qua, gli uomini napoletani mi hanno fatto divertire tantissimo. Mi siete proprio simpatici. Perchè gli uomini di Madrid non ti toccano, non ti fanno niente…mamma mia! Mi piace giocare con gli uomini”. Infine, la fatidica domanda. E le inevitabili risposte. Tutte rigorosamente uguali: “No!”, “Mai!”, “Abbiamo il Napoli nel cuore!”, “Eh, ma che scherziamo, bella!”, “Dici tu Forza Napoli e ti faccio vedere un’altra cosa!”.

Eppure c’è qualcuno che ha ceduto alle tentazioni. Il risultato? La bella ragazza ha certamente tirato giù la scollatura della maglietta. Ma sotto c’era tutt’altro…

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche