Ciro Ciocca, studente italiano morto in Francia: suicidio in erasmus? COMMENTA  

Ciro Ciocca, studente italiano morto in Francia: suicidio in erasmus? COMMENTA  

studente

Uno studente in erasmus a Parigi è morto in circostanze non chiare: secondo le ultime notizie si tratterebbe di un suicidio.

Ciro Ciocca, studente di Campobasso è morto mentre era in viaggio con il programma erasmus a Parigi.

Le circostanze in cui sarebbe avvenuta questa disgrazia sono ancora da chiarire. Era partito da poco quando ai genitori è arrivata la triste notizia. In un primo momento si diceva che la causa della morte erano delle ferite da accoltellamento riportate durante una rapina.

Questo delitto sarebbe avvenuto tra venerdì 2 e sabato 3 settembre, quando Ciro, sarebbe stato circondato da malviventi che volevano prendergli il pc e lo smartphone.

Subito dopo l’accaduto la voce si è sparsa sui social network tra parenti e amici. Ciro però non è deceduto subito dopo l’aggressione. È stato subito trasportato in ospedale ed è restato lì qualche giorno in cui le sue condizioni grazie al soccorso dei medici erano stabili.

L'articolo prosegue subito dopo

Cinque giorni dopo tuttavia Ciro è improvvisamente morto. La polizia francese ha iniziato subito a indagare sulla faccenda. Intanto il presidente della regione Molise ha chiesto al governo italiano di “impegnarsi con le autorità e le istituzioni francesi per fare piena luce su un atto di violenza tanto efferata“. Poi però è arrivata la notizia, tramite fonti confermate dell’ANSA, che secondo la polizia Ciro si sarebbe suicidato.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*