Via al vertice di Bratislava: identità di vedute fra i leader, ma futuro incerto COMMENTA  

Via al vertice di Bratislava: identità di vedute fra i leader, ma futuro incerto COMMENTA  

bratislava ue

Al vertice di Bratislava Renzi ha parlato del futuro: “la stabilità più importante è quella dei nostri figli”. Identità di vedute fra i leader Ue.

E’ in corso il vertice di Bratislava fra i leader dell’Unione Europea e Matteo Renzi, in rappresentanza del nostro paese, ne ha approfittato per sottolineare quali siano, a suo avviso, gli aspetti più delicati e importanti del futuro dell’Ue. “La stabilità più importante” ha dichiarato il premier italiano, “è quella dei nostri figli, prima ancora delle regole”. Un richiamo, quindi, ad un’Europa più vicina alle persone e meno ostaggio della burocrazia.


La difesa è la sfida dell’Europa, secondo il presidente Hollande

Il presidente francese Francois Hollande ha invece evidenziato la centralità del problema della difesa dell’Ue, definita “la sfida dell’Europa”, perché “non c’è continente, non c’è unione se non può difendersi da sola”. Hollande ha poi sottolineato l’identità di vedute fra i leader europei.


“L’Europa è davanti alla prova della Brexit e a una sfida, quella di vivere a 27” ha dichiarato Hollande, “la posta in gioco è quella di fare l’agenda di Bratislava.

Con la Cancelliera Merkel, con Matteo Renzi e molti altri leader siamo d’accordo. Vogliamo avere un’ agenda con tre temi semplici che permettano di avere fiducia nel progetto europeo: sicurezza, preparazione dell’avvenire ovvero essere una grande potenza economica sul piano globale, che significa poter dare lavoro; dare speranza per il futuro.

L'articolo prosegue subito dopo

Ecco la roadmap”.

Dal canto suo la cancelliera Angela Merkel ha dichiarato che “non si tratta ora di aspettarsi semplicemente da un vertice la soluzione dei problemi dell’Europa”. “Siamo in una situazione critica”, l’ammissione di Angela Merkel, “ma si tratta di dimostrare coi fatti che possiamo diventare migliori nel campo della sicurezza, interna e esterna, nella collaborazione nella lotta al terrorismo, nel campo della difesa”, in quello della “crescita e posti di lavoro”.

Le incertezze sul futuro dell’Unione Europea

Il vertice di Bratislava, il primo senza un rappresentante del Regno Unito, mette allo stesso tavolo i leader dei 27 paesi dell’Ue. Al di là degli argomenti specifici – dalla questione dei migranti alla discussione delle regole sui bilanci e le manovre finanziarie nazionali alla difesa comune – si tratta di un’occasione fondamentale per decidere il futuro dell’Europa. Il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker ha parlato pochi giorni fa a Strasburgo di un’Europa “in crisi esistenziale”. Donald Tusk, alla vigilia del vertice Bratislava, ha ammesso che “l’unica cosa sensata da fare è una valutazione sobria e brutalmente onesta della situazione”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*