Viaggio nei sapori d’Italia: i piatti tipici regionali

News

Viaggio nei sapori d’Italia: i piatti tipici regionali

viaggio-nei-sapori

L’Italia è un Paese di una bellezza mozzafiato, da molti punti di vista: artistico, culturale, paesaggistico, folkloristico e… gastronomico! Ogni regione vanta specialità culinarie particolari e inimitabili, tutte tipiche della tradizione tramandata da anni e soprattutto da degustare assolutamente se ci si trova in zona per le vacanze. Un viaggio nei sapori d’Italia, che comincia con tre piatti tipici di tre regioni italiane: al nord, al centro e al Sud.

viaggio-nei-sapori

Specialità regionali: viaggio nei sapori della tradizione

Lombardia: il re indiscusso della gastronomia regionale è di sicuro il risotto alla milanese. Come resistere dal provare un piatto di questa specialità, preparato a regola d’arte, invitante e fumante? Gli ingredienti base sono il midollo di vitello (o salsiccia), il brodo di carne e lo zafferano e il riso va tostato in olio e cipolla, sfumato con un po’ di vino bianco e mantecato con formaggio grana e una noce di burro.

Toscana: se avete in programma un giro a Firenze e dintorni, non perdete l’occasione di accomodarvi in uno dei caratteristici locali della zona e degustare un tipico secondo piatto a base di carne.

Certo, ci sono i crostini di fegatini e il cappone in brodo ma la specialità da assaporare è lo spezzatino con le patate. Il segreto di questo piatto? La cottura molto lunga che renderà la carne tenera e gustosa.

Sicilia: la splendida isola baciata dal sole offre una gastronomia d’eccellenza dall’antipasto al dolce. Ci sono gli arancini di riso, gli anellini al forno ma se volete gustare il vero sapore di questa terra, scegliete una caponata di verdure. Le più usate comunemente sono le melanzane, che vengo tagliate a tocchetti e fritte, poi condite in salsa agrodolce, con pomodoro, capperi, olive ma anche cipolla e sedano. Perfetta come antipasto o contorno, regala un profumo intenso con l’aggiunta di foglie di basilico fresco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...