> > Addio a Pietro Reale, il campione di rugby morto per un malore improvviso

Addio a Pietro Reale, il campione di rugby morto per un malore improvviso

Pietro Reale

Addio a Pietro Reale, il campione di rugby che aveva vinto due scudetti e giocato per sette volte in nazionale è morto per un malore improvviso

Gli amanti delle mischie e dello sport in purezza e correttezza dicono addio a Pietro Reale, il campione di rugby è morto per un malore improvviso.

I media della zona spiegano che  il 59enne architetto ed ex stella del rugby ha “passato la palla ovale” mentre era al lavoro nel suo studio a Rovigo. Da quanto si apprende e viene riferito con immenso dolore è morto ieri 3 dicembre, per un infarto, l’ex campione del Rovigo Rugby Pietro Reale. 

Addio a Pietro Reale, il campione di rugby

Pietro era un 59enne architetto e sarebbe spirato mentre “era al lavoro nel suo studio”.

Ad un certo punto, secondo i media territoriali, l’uomo è stato colto da malore e a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. Sul posto sono arrivati a razzo i sanitari del 118 aallertati dal fratello Paolo, sanitari che purtroppo non hanno potuto che constatare il decesso. 

Due scudetti e sette presenze in Nazionale

Reale era stato un totem del rugby: era stato un seconda e terza linea aveva vinto con il Rovigo due scudetti; il primo nel 1988 e il secondo, da capitano, nel 1990.

L’atleta era cresciuto nel vivaio dei “Bersaglieri” rossoblù  ed aveva giocato per 7 volte in Nazionale. Per un po’ era stati anche direttore sportivo del club.