> > Adolescenti rubano una Maserati ma si schiantano durante la fuga: un morto e ...

Adolescenti rubano una Maserati ma si schiantano durante la fuga: un morto e due feriti

adolescenti rubano Maserati

Tre adolescenti rubano una Maserati in Florida e si schiantano: un morto e due feriti

Tre adolescenti in Florida, USA hanno rubato una Maserati e si sono schiantati durante la fuga: Mario Panilla, 15 anni è morto sul colpo mentre Keondrick Lang, 15 anni e Malachi Daniels, 16 anni sono ricoverati in gravi condizioni. 

I tre hanno trovato l’auto incustodita con le chiavi inserite all’interno in un viale di St.

Petersburg in Florida. Dopo essere saliti nell’abitacolo hanno iniziato a guidare a tutta velocità. 

La fuga si è interrotta quando il quindicenne Lang alla guida ha perso il controllo del veicolo che si è ribaltato davanti ad un minimarket poco distante da dove avevano rubato l’auto. 

Panilla è morto nello schianto. Lang e Daniels sono ricoverai in gravi condizioni. Secondo le autorità il primo dovrebbe farcela mentre il secondo sta ancora lottando tra la vita e la morte.

La Maserati è stata completamente distrutta nell’incidente avvenuto intorno alle 3.20 della mattina di ieri 2 ottobre. 

Adolescenti rubano Maserati: la dinamica dell’incidente

Bob Gualtieri, lo sceriffo della Contea di Pinellas, ha ricostruito la dinamica dell’incidente durante una conferenza stampa effettuata vicino al luogo dello schianto. 

Secondo quanto è stato ricostruito, alcuni agenti presenti sul posto al momento del furto, impegnati in un arresto, avrebbero cercato di fermare i tre adolescenti ma senza riuscirci. 

Lang, il 15enne alla guida, avrebbe aperto la portiera della macchina prestando attenzione a non lasciare tracce sulla maniglia.

Il giovane ha avvolto la mano nella maglietta. Questo gesto è stato notato da un’unità di polizia a bordo di un elicottero che ha riferito il fatto agli agenti a terra. 

L’elicottero ha poi seguito la Maserati rubata con a bordo i tre giovani fino allo schianto. Secondo un comunicato stampa delle autorità, l’auto stava viaggiando ai 130 km/h quando ha colpito un marciapiede ribaltandosi.  

Gualtieri ha riferito che i tre adolescenti sarebbero usciti di nascosto, senza riferirlo ai genitori che credevano stessero dormendo.

Durante il punto stampa è stato riferito che i tre non avevano precedenti penali ma erano già stati fermati dagli agenti alle prime luci dell’alba mentre camminavano in un viale di Kenneth City. Quella volta, erano stati rimandati a casa dai genitori. 

LEGGI ANCHE