Allarme incendio: persone evacuate dalle finestre - Notizie.it
Allarme incendio: persone evacuate dalle finestre
Roma

Allarme incendio: persone evacuate dalle finestre

incendio

Roma: in un edificio in via Quirino Visconti è stato domato l'incendio che è scoppiato intorno alle 11 di stamattina. Non ci sarebbero vittime e feriti e le autorità stanno indagando sulle cause del rogo: si pensa ad un cortocircuito.

Intorno alle 11 di questa mattina, in un edificio in via Quirino Visconti c’è stato un principio di incendio. Le fiamme sarebbero divampate dal primo piano di un palazzo di Prati e secondo quanto è stato stabilito dai primi accertamenti sul luogo, la causa sarebbe stata un cortocircuito all’impianto elettrico nella guardiola del portiere.

Le cause dell’incendio

Alla vista del fumo che usciva dalle finestre dell’appartamento al primo piano, alcuni residenti hanno lanciato l’allarme e chiamato immediatamente i Vigili del fuoco, che sono intervenuti sul posto. Con loro anche un’ambulanza per soccorrere eventuali feriti e i carabinieri della stazione Prati.

Secondo le prime notizie che sono giunte dai media locali, non ci sarebbero feriti, ma la situazione è ancora in fase di accertamento. Nel frattempo le autorità hanno provveduto a far sgomberare l’edificio, in via precauzionale, mentre i pompieri hanno messo al sicuro un anziano con disabilità che è stato portato in salvo, estraendolo dalle finestre del primo piano attraverso uno dei mezzi dotati di gru.

Tra le altre persone che erano presenti nel palazzo al momento dell’incendio, anche una donna che è stata soccorsa dai sanitari del 118 per il forte choc subìto.

Per garantire una maggiore sicurezza ai residenti, la strada resta momentaneamente interdetta al traffico mentre proseguono le verifiche per risalire con precisione all’origine del rogo. Tra le ipotesi, tutte da verificare, un cortocircuito all’impianto elettrico nella guardiola del portiere.

L’incendio è stato domato dai Vigili del fuoco e le autorità competenti procederanno con ulteriori accertamenti. Altre notizie e conferme sull’accaduto sono attese nelle prossime ore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche