> > Annamaria Burrini strangolata a morte nella sua casa a Siena: c'è un fermo

Annamaria Burrini strangolata a morte nella sua casa a Siena: c'è un fermo

Annamaria Burrini strangolata

Siena, Annamaria Burrini strangolata a morte nella sua casa con un laccio o corda: c'è un fermo

Annamaria Burrini, 81 anni, è stata trovata morta in circostanze sospette nella sua casa di Siena in largo Sassetta la sera del 28 settembre.

Sul caso è stata aperta un’indagine per omicidio nella quale nessuna ipotesi è stata esclusa, dal litigio alla rapina. 

Secondo quanto si apprende, il caso potrebbe aver preso una svolta. Ci sarebbe un fermo per l’omicidio della donna scattato dopo un lungo interrogatorio in questura con la persona indiziata di cui non si conoscono le generalità. 

Annamaria Burrini è stata strangolata, la ricostruzione dei fatti

Annamaria Burrini è stata trovata morta la sera del 28 settembre nella sua abitazione di Siena.

L’allarme è stato dato dai vicini di casa. Sul luogo del delitto sono giunti i vigili del fuoco per accedere all’appartamento. 

Secondo quanto emerso, la donna non viveva da sola perché era solita affittare una stanza della sua casa. L’ultimo coinquilino in ordine temporale sarebbe un cittadino dell’Est Europa. 

Secondo le indagini, di cui si sta occupando la squadra mobile coordinata dal procuratore capo facente funzione Nicola Marini, la signora sarebbe stata strangolata con un laccio o una corda.

Il corpo è stato ritrovato sul letto della camera dell’anziana e non sarebbero stati trovati segni d’effrazione nell’abitazione. Per chiarire le dinamiche del delitto si dovrà aspettare i risultati dell’autopsia. 

Le camere da letto come tutte le altre stanze della casa sono state trovate a soqquadro. Per questo motivo gli inquirenti stanno cercando di capire se sono stati rubati oggetti di valore o soldi. 

Chi era Annamaria Burrini 

Annamaria Burrini, 81 enne di Siena, era la titolare di una storica bottega del centro cittadino. L’unica parente della vittima sarebbe una sorella residente in nord Italia. Le forze dell’ordine hanno ascoltato le testimonianze di vicini e conoscenti della donna che l’hanno descritta come una persona riservata e con pochi contatti. 

LEGGI ANCHE: