×

Astrazeneca, morto avvocato 45enne di Messina colpito da trombosi: avviate le indagini

Indagini in corso, dopo che nella giornata di ieri, 9 aprile, Mario Turrisi avvocato di Messina è morto, si era vaccinato con Astrazeneca, poi la trombosi

Morto l'avvocato 45enne vaccinato con Astrazeneca

Dichiarata la morte cerebrale per l’avvocato Mario Turrisi, il 45enne di Messina che nelle scorse settimane è rimasto vittima di una trombosi cerebrale, dopo essersi sottoposto alla somministrazione del vaccino anti-Covid di Astrazeneca.

Astrazeneca, morto l’avvocato messinese

Turrisi, originario di Tusa cittadina in provincia di Messina, si era vaccinato il 12 Marzo presso l’Ospedale di Mistretta, ricevendo la prima dose di Astrazeneca.

In seguito all’inoculazione, l’avvocato, nei giorni successivi ha cominciato ad accusare vari effetti collaterali, che in una prima fase, si pensava potessero essere attribuibili a una possibile positività a Covid-19. In realtà, dopo aver eseguito numerosi esami, si è scoperta una trombosi cerbrale in atto.

Le condizioni molto serie di Turrisi, hanno reso immediatamente necessario il suo ricovero in terapia intensiva. Ieri, 9 aprile, la notizia della morte cerebrale.

I suoi familiari hanno deciso di dare il proprio consenso per la donazione degli organi.

Astrazeneca, a Messina altro decesso

A Messina purtroppo il decesso dell’avvocato Turrisi non è un caso isolato, la scorsa settimana infatti, una simile vicenda era accaduta a Augusta Turiaco, insegnante 55enne di Messina, anche lei vaccinata con Astrazeneca e deceduta per morte cerebrale in seguito a trombosi.

Adesso questi casi sono stati segnalati all’Aifa e la procura di Patti sta proseguendo con le indagini per accertare possibili correlazioni tra i decessi e gli effetti collaterali del vaccino Astrazeneca, in particolare con le trombosi.

La situazione attuale, ha scosso fortemente la comunità messinese, che adesso guarda con diffidenza al vaccino di Astrazeneca

Contents.media
Ultima ora