> > Attacco dell'Isis ad una chiesa belga in Congo: 17 morti

Attacco dell'Isis ad una chiesa belga in Congo: 17 morti

L'interno della chiesa dopo l'attacco

Strage di cristiani e lo spettro della visita pastorale di Papa Francesco proprio in quel paese: attacco Isis ad una chiesa belga in Congo, 17 morti

Orrore in Africa dopo l’attacco dell’Isis ad una chiesa belga in Congo che ha fatto finora 17 morti.

La rivendicazione del blitz terroristico a Kasindi è arrivata dai miliziani dell’Iscap che hanno consotto l’attacco in Africa centrale, dove questa branca equatoriale dell’Isis-Daesh è da sempre e purtroppo molto attiva. L’attentato  è stato compiuto nella chiesa di Kasindi, città della Repubblica Democratica del Congo.

Attacco dell’Isis ad una chiesa in Congo

Ecco un fame della nota che fa chiarezza sulla rivendicazione: ” L’Isis afferma che i combattenti hanno piazzato e fatto esplodere un ordigno, provocando dozzine di cristiani uccisi e feriti”.

E secondo Rita Katz, di Site, sito di monitoraggio del jihadismo, i miliziani avrebbero minacciato “ulteriori attacchi”. E purtroppo il bilancio dell’attacco, inizialmente attestato su 9 e poi 12 vittime,  è salito a 17 morti e una ventina di feriti. 

La decisa condanna del governo

La notizia è stata ufficializzata dal governo congolese. Esecutivo che ha condannato “con forza” l’attentato, avvenuto mentre era in corso la messa. E come informa AdnKronos c’è un rischio, potenziale ma enorme, in più: dal 31 gennaio al 5 febbraio e proprio nella Repubblica Democratica del Congo e Sud Sudan è “prevista la visita di Papa Francesco”.