> > Bonus trasporti 2023: quando torna e chi ne avrà diritto

Bonus trasporti 2023: quando torna e chi ne avrà diritto

La premier Giorgia Meloni

È stato abbassato l'Isee per il bonus trasporti 2023: adesso chi ne avrà diritto dovrà averlo attestato non più su 35mila ma su "soli" 20mila euro

Effetto “yo-yo” per il bonus trasporti 2023: quando torna e chi ne avrà diritto sono domande a cui è importante rispondere.

Lo è a contare che il governo di Giorgia Meloni sembrava averlo resettato ma invece è tornato nel Decreto Carburanti. Una sorta di “dietrofont benefico” innescato dalla crisi su accise e carburanti. La misura introdotta nel 2022 infatti era data per spacciata poi invece ed a sorpresa è stata reintrodotta nel nuovo Decreto Carburanti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 14 gennaio.

Bonus trasporti 2023: chi ne avrà diritto

Ma cosa è cambiato? Innanzitutto la platea del contribuito, entro un massimo di 60 euro al mese, destinato agli abbonamenti di mezzi pubblici.

Tutto fa gioco sul tetto Isee, che è stato abbassato. La rimodulazione prevede che il cosiddetto bonus trasporti, originariamente previsto nel 2022 nel decreto Aiuti, abbia nuove caratteristiche. Parlaimo di un voucher mensile fino a un massimo di 60 euro da utilizzare per l’acquisto di abbonamenti per i servizi di trasporto pubblico locale, regionale, interregionale e anche per il trasporto ferroviario nazionale.

Cosa cambia e dove cambiano le cose

Chi lo aveva chiesto nel 2022? Tutti i cittadini cittadini – dai lavoratori, agli studenti, passando per i pensionati – che avevano un reddito complessivo non superiore a 35.000 euro.

E adesso? Si scende e a parità di importo la misura sarà riservata solo a chi ha un Isee entro i 20.000 euro.