Burian, gelo siberiano: il più freddo in Italia dal 1985
Burian, gelo siberiano: il più freddo in Italia dal 1985
Meteo

Burian, gelo siberiano: il più freddo in Italia dal 1985

Burian

Il gelo arriverà in Italia a partire da domenica sera: si toccheranno temperature che non si registravano da diversi anni.

Come era stato previsto dagli esperti meteo, l’Italia è stata colpita da Burian, che ha portata un’ondata di gelo siberiano. In assoluto, a partire da domenica sera arriverà il gelo che può essere paragonato a quello che si era registrato nel febbraio del 2012 o nel gennaio del 1985. A renderlo noto sono sempre gli esperti meteorologici, che hanno anche aggiunto che sono attese delle importanti nevicate, un crollo a livello termico e anche giornate di ghiaccio.

Italia colpita da Burian

Gli esperti meteo hanno confermato l’arrivo di una ondata di gelo di notevole intensità, proveniente dalla Siberia e con l’Europa che nel corso di questo weekend verrà colpita sotto i gelidi venti del Burian. Secondo i meteorologi, si tratta di un evento del tutto eccezionale per quanto riguarda la durata, estensione ed intensità. Si partirà innanzitutto dalla Scandinavia, Russia e stati Orientali. Ma poi dilagherà anche su Germania, Olanda, Danimarca e Belgio.

E ovviamente anche in Italia. Il gelo giungerà pure in Francia, Gran Bretagna e Irlanda. Sono previste temperature in picchiata almeno fino ai primi di marzo, con valori che possono toccare anche i meno dieci gradi in pianura.

In Italia, il gelo più intenso arriverà a partire da domenica sera. Un freddo che può essere paragonato a quelli che si sono registrati nel febbraio 2012 o gennaio 1985. A renderlo noto sono stati gli esperti meteo del Centro Epson, che hanno anche aggiunto che sono previste nevicate, ma anche un crollo termico e giornate di ghiaccio, con temperature che anche di giorno non supereranno gli zero gradi. Ma non è finita qui. Tra lunedì e martedì, infatti, le temperature possono scendere anche di dieci gradi rispetto alla media stagionale, con le minime che possono toccare i meno sette-otto gradi anche in pianura e le massime che toccheranno gli zero gradi.

Il parere degli esperti

Secondo quanto è stato riferito dagli esperti, l’aria gelida proviene direttamente dalla Siberia e per colpire l’Italia compirà una distanza pari a quasi seimila chilometri.

Gli esperti fanno sapere che ci saranno possibili rovesci di neve in pianura localizzati e a tratti sotto forma di blizzard su tutta Europa. Il gelo siberiano farà il suo ingresso in italia tra domenica e lunedì, soprattutto nella parte centro-settentrionale del nostro Paese.

Leggermente interessato anche il Sud, anche se la situazione sarà meno pesante e più marginale. Il grande freddo, infatti, giungerà prima dalla porta della bora sull’alto Adriatico nel corso di domenica e poi dilagherà nei giorni successivi su tutta la Penisola. Secondo i meteorologi, sono attesi anche venti forti e molto freddi da Nordest, con bora che supererà i cento chilometri all’ora su Trieste. La neve è prevista inizialmente sulle zone adriatiche fino alla costa, in collina al Sud o a tratti in pianura. Ma poi scenderà pure in pianura anche al centro-nord.

Infine, gli esperti concludono, spiegando che prima dell’arrivo di Burian, si dovrà fare i conti con una perturbazione che porterà fino a sabato piogge al centro-sud e nevicate in collina al Nord, soprattutto in Emilia Romagna, basso Piemonte, Lombardia e parte del Veneto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche