×

Ciro Grillo: la versione di Corsiglia, il nuovo video e il like su Instagram. Gli aggiornamenti

Emergono nuovi indizi sulla presunta violenza sessuale ai danni di Silvia, da parte di Ciro Grillo e degli amici

ciro grillo, nuovi aggiornamenti

Si approfondisce di nuovi particolari la vicenda sulla presunta violenza, avvenuta in Sardegna nell’estate 2019, che vede coinvolto Ciro Grillo, e i suoi amici.

Ciro Grillo: nuovi dettagli sulla presunta violenza

Emergono nuovi indizi sulla presunta violenza sessuale ai danni di Silvia, nome di fantasia, da parte di Ciro Grillo, figlio del garante del M5s e dei suoi amici.

La vicenda è nota: la violenza si sarebbe consumata il 17 luglio 2019 nella villetta di Grillo a cala di Volpe, in Sardegna. Oltre a Ciro Grillo, gli altri indagati sono Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria, accusati di violenza sessuale di gruppo. Secondo gli indagati invece, sarebbe stata proprio Silvia a proporre un rapporto a tre.

A raccontare come si svolsero i fatti, Corsiglia, che parte dall’inizio della serata: -“Con lei l’intesa era cominciata in taxi, poi ho avuto l’impressione che non fosse soddisfatta della mia prestazione (si riferisce al rapporto avvenuto in doccia) che avrebbe voluto di più.

Ero in imbarazzo, tutti insieme mi avevano preso in giro per questo”. Poi continua dicendo di essere stato interrotto durante il rapporto, dagli altri, in particolare da Ciro Grillo, che avrebbe detto: -“Io me la sono portata a casa perchè me la volevo scop***, e invece se la sta scopa*** lui!”.

Successivamente, Corsiglia dichiara di essere stato svegliato da Ciro intorno alle 7.15, il quale gli avrebbe detto :”Mi hanno fatto cambiare stanza.

Quando mi sono svegliato lui mi ha detto testualmente: ‘Ce la siamo trom**** tutti e tre”.

Una dichiarazione quest’ultima che sembra concordare con la versione di Capitta, che aggiunge: -“Lei ci disse che non aveva mai avuto rapporti a quattro. Silvia aveva un comportamento attivo e ci faceva richieste”.

Ciro Grillo: il nuovo video

Intanto spunta anche un terzo video in cui si vedono Vittorio, Ciro ed Edoardo avere un rapporto sessuale con Silvia. I 3 hanno dichiarato di non aver mandato tramite WhatsApp a nessuno, ne di averlo inoltrato, solo di averlo fatto vedere a qualche amico direttamente dal cellulare. Versione che sembra collimare con le intercettazioni ambientali dei carabinieri, nei quali si sente un amico di Capitta, chiedergli di spedirgli il video e quest’ultimo rispondergli: “Ti ho detto di no. No, no, non li mando a nessuno. Poi ti racconto quando vengo”. Per i carabinieri di Tempio Pausania, questa sarebbe la prova che il video possa essere la prova di un reato. Il video inoltre sarebbe stato manipolato, in modo da non riprendere Vittorio Lauria, all’epoca fidanzato. I 3 però hanno ammesso che la ragazza, anche se non inquadrata in volto, sarebbe stata ripresa senza il suo consenso.

Ciro Grillo: il like su Instagram

Capitta ai carabinieri avrebbe dichiarato che dopo quella notte, Silvia li avrebbe seguiti su Instagram mettendo un like su un video girato da Capitta insieme a Corsiglia: “La mattina dopo, il 17 luglio, le avevamo detto di seguirci sul nostro gruppo Instagram, che tuttora segue come follower. Lei ha messo anche un like a un video da me postato mentre scherzo con Francesco Corsiglia. Ieri ho constatato che il like è stato rimosso”. Un fatto secondo gli indagati, che dimostrerebbe come la ragazza fosse consenziente al rapporto, e di come il clima fosse disteso anche dopo.

I ragazzi hanno provato a darsi una spiegazione sulla scelta di Silvia di denunciare lo stupro. Secondo Corsiglia: -“Forse ci ha denunciato perché non l’abbiamo riaccompagnata”. Mentre per Ciro Grillo: -“Mi viene da pensare che tornata a casa si sia accorta di aver fatto qualcosa di più di quello che avrebbe dovuto fare o comunque di essersi pentita. Silvia lasciava intendere che era meglio un rapporto a tre piuttosto che con uno”.

Ciro Grillo: la versione di Silvia

È bene precisare come la versione della presunta vittima, si discosti totalmente da quanto detto finora: per la ragazza infatti, il rapporto iniziale con Corsiglia non sarebbe stato consenziente, così come i rapporti di gruppo avvenuti in seguito. Oltre al fatto che la ragazza, ha sempre dichiarato che i quattro avrebbero abusato di lei dopo averla costretta a bere della vodka, e di non essere nel pieno controllo delle sue azioni. Un altro punto che lascia perplessi è il fatto che due giorni dopo la vicenda, Silvia e i 4 indagati si sarebbero visti al bar e non si sarebbero salutati. Fatto che appare strano se come dicono la serata si è conclusa in tranquillità. Interpellati su questo punto, la risposta da parte dei ragazzi è stata: –“Eravamo al bar con la mamma di Ciro”.

Contents.media
Ultima ora