Come si forma un fiocco di neve
Come si forma un fiocco di neve
Ambiente

Come si forma un fiocco di neve

neve
Un fiocco di neve stilizzato.

Il fenomeno simbolo per eccellenza dell’inverno al microscopio: ecco cosa succede quando cade la neve.

Le credenze popolari affermano che non ne esistono due uguali, mentre la scienza ci ha insegnato che la cosa è possibile, anche se altamente improbabile, e che si è già verificata ed è stata provata scientificamente. I fiocchi di neve sono delle formazioni atmosferiche tanto precarie quanto imperscrutabili. Acqua ghiacciata cristallina, aggregatasi insieme in maniera casuale fino a formare delle strutture complesse e irregolari, secondo la nivologia (la scienza che studia la neve e in fenomeni a essa collegati). Ma come si forma, nello specifico, un fiocco di neve? Vediamo più nel dettaglio.
La neve si forma attraverso un processo di brinamento del vapore acqueo. Il brinamento è il passaggio dallo stato gassoso a quello solido senza passare per lo stato liquido, e solitamente avviene in presenza di bruschi sbalzi di temperatura. È appunto il caso del vapore acuqeo quando incontra, nell’atmosfera, una corrente fredda. Altra precondizione necessaria alla formazione della neve è l’incontro con i germi cristallini, microparticelle – di acqua o altre sostanze – presenti in atmosfera in forma di microscopici cristalli.

Il vapore acqueo brina attorno a essi, aggregandosi progressivamente, fino a formare i fiocchi; non appena raggiunge una certa consistenza e un peso sufficiente, il fiocco di neve inizia a cadere verso il suolo.
Se la temperatura emanata dal suolo è sufficientemente fredda – intorno ai 2° centigradi -, il fiocco si posa a terra senza sciogliersi. In caso contrario, può arrivare a sciogliersi anche diversi metri prima di toccare terra: ciò dipende dalla presenza di correnti ascensionali calde, anche di natura artificiale; è il caso, ad esempio, dei vapori prodotti da un impianto di riscaldamento. Va da sé che tale fenomeno è più o meno presente – o persino impercettibile – a seconda della portata e dell’intensità del fenomeno nevoso. Quando la neve si fonde in strati più o meno superiori dell’atmosfera, essa tende a ripristinare lo stato liquido “ignorato” nel processo di formazione, per giungere quindi al suolo sotto forma di pioggia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche