Concerto Fedez, il giudice: "Organizzatori pagheranno anche Soundreef" | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Concerto Fedez, il giudice: “Organizzatori pagheranno anche Soundreef”
Cronaca

Concerto Fedez, il giudice: “Organizzatori pagheranno anche Soundreef”

Fedez

Secondo quanto emesso dal Tribunale ordinario di Milano, Showbees dovrà versare a Soundreef l'equivalente dovuto a Fedez a titolo di compensi per diritto d'autore.

Showbees, organizzatore di un concerto del rapper Fedez, ha ricevuto l’ordine da parte del Tribunale Ordinario di versare a Soundreef l’equivalente dovuto all’artista a titolo di compensi per diritto d’autore. Il decreto ingiuntivo è stato emesso lo scorso 19 Luglio e la notizia giunge dalla stessa Soundreef.

I dettagli della vicenda che ha coinvolto Fedez

In Italia vige ancora il monopolio Siae, che è ancora l’unico interlocutore per gli organizzatori di eventi e concerti. Il rapper Fedez già nelle ultime settimane aveva sollevato un caso mediatico contro la Siae e ha aveva scelto di farsi rappresentare da un’altra società. Secondo quanto stabilito dal Tribunale ordinario di Milano, gli incassi provenienti dai concerti dovranno in qualsiasi caso essere versati a entrambi. Si tratta di una decisione importante che potrebbe segnare la svolta nel panorama musicale italiano.

Il ricorso al tribunale è scattato dopo la decisione di Showbees, organizzatore di un concerto di Fedez, che su indicazione di Siae aveva scelto di pagare solo quest’ultima.

Non sono giunti quindi pagamenti a Soundreef, la società a cui si è affidato Fedez

Il decreto emesso stabilisce che avranno a disposizione massimo 40 giorni di tempo per saldare quanto dovuto. Per la società Soundreef si tratta di “un importante precedente che contribuisce a far chiarezza: chi utilizza i diritti d’autore di un artista o di un editore è tenuto a pagare direttamente i titolari dei diritti o chi abbia ricevuto da questi ultimi il mandato alla gestione dei diritti e non può pagare sempre e comunque la Siae anche in relazione a diritti estranei al repertorio dei propri mandanti e associati”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche