Corato: giovane albanese colpito a freddo in piazza
Corato: giovane albanese colpito a freddo in piazza
Cronaca

Corato: giovane albanese colpito a freddo in piazza

corato sparatoria in centro
corato sparatoria in centro

A Corato, nel barese, un giovane di origine albanese è stato ucciso a freddo nella piazza affollata da un motorino di passaggio

Un giovane di origini albanesi è stato colpito da uno sparo di pistola nella centralissima e affollata Piazza Abbazia, a Corato. I carabinieri stanno cercando di fare luce sull’accaduto e dei possibili moventi dell’agguato. Nessuna pista è finora esclusa, compresa quella dei legami alla criminalità organizzata. Non ci sono state apparentemente altre vittime né coinvolti, solo lo shock dei passanti. Riepiloghiamo l’accaduto.

Un colpo di pistola all’improvviso

Mercoledì 1 agosto in centro alla cittadina di Corato, comune in provincia di Bari e noto localmente per il turismo religioso legato all’omonima Madonna, un ragazzo è stato colpito a freddo nel mezzo della folla. Il ragazzo, Victorjan Picaku, aveva 24 anni ed era di origine albanese. Il colpo iniziale, mirato alla testa, è stato seguito velocemente da altri quattro, puntati a braccia e gambe. I killer erano a bordo di uno scooter e, indossando entrambi un casco, non ne è stata possibile l’identificazione immediata. I presenti – tanti, visto l’orario serale – hanno immediatamente chiamato il pronto soccorso.

All’arrivo dei sanitari del 118, però, non c’era già nulla da fare e i tentativi di rianimazione sono stati inutili. I carabinieri hanno dato il via alla indagini.

Le tante tracce

Victorjan Picaku era un incensurato ma, da quanto emerso dalle prime investigazioni, al momento dell’omicidio era in compagnia di un connazionale che invece era già noto alle forze dell’ordine. Questo ha portato inizialmente alcuni investigatori a non escludere l’ipotesi di un indiretto legame con la criminalità organizzata o addirittura uno scambio di persona. Questa pista però è solo una tra le tante ipotizzate al momento. La più plausibile, invece, sembra essere quella del movente passionale. La natura passionale è la traccia ritenuta più probabile dal PM incaricato, Raffaella De Luca, della Procura di Trani.

Sul luogo del delitto era arrivato anche il sindaco Massimo Mazzilli.

Corato è una piccola città del nord barese ed è famosa localmente per le tradizioni e il turismo legati ai luoghi di culto. Tra questi le celebrazioni di San Cataldo, per altro in programma proprio per agosto, e soprattutto i santuari della Madonna Greca e della Madonna delle Grazie, mete di culto per tutta la regione. Come in molte altre zone della costa adriatica pugliese, anche Corato ha una lunga storia che la unisce all’Albania: una piccola parte della popolazione infatti parla l’albanese come lingua etnica locale, a cui si aggiungono i flussi migratori molto più recenti dal piccolo stato balcanico.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche