> > Covid, Burioni sul paragone Italia-Cina: "Noi ci siamo vaccinati in massa"

Covid, Burioni sul paragone Italia-Cina: "Noi ci siamo vaccinati in massa"

burioni 1

Roberto Burioni è intervenuto su Twitter per spiegare la differenza tra la gestione della pandemia Covid in Italia e in Cina

Con l’arrivo nel nostro Paese di moltissimi cinesi positivi ai controlli dei tamponi Covid effettuati all’aeroporto di Malpensa, si torna a discutere sull’efficacia della famosa politica “Zero Covid” pensata dalla Cina per arginare la pandemia.

Le strategie cinesi sono state messe a confronto con quelle italiane, ma Roberto Burioni ci tiene a rimarcare le differenze.

Roberto Burioni sul paragone Italia-Cina: “Noi più protetti dal Covid grazie ai vaccini”

Il virologo Roberto Burioni è intervenuto sul proprio profilo di Twitter per spiegare ancora una volta, quali sono stati i differenti approcci tra l’Italia e la Cina nel tentativo di contrastare la pandemia Covid che ha sconvolto il Mondo nel 2020.

Il virologo ha sottolineato che le situazioni dei due Paesi non sono per nulla confrontabili, soprattutto a causa di un motivo specifico:

“La nostra situazione è immensamente migliore ma ricordiamoci che la differenza tra noi e la Cina è fondamentalmente una: noi ci siamo vaccinati in massa con il vaccino più efficace disponibile seguendo le indicazioni che ci arrivavano dalla scienza. Loro no. Meglio non imitarli.”

La Cina ha cambiato idea: anche Honk Hong si adegua

Con le proteste che si sono fatte sempre più vive nelle ultime settimane, la Cina è stata costretta a ritornare sui propri passi e abbadonare, almeno in parte, molte delle restrizioni che aveva adottato nel 2020. Le cose in Oriente stanno cambiando e da oggi, 29 dicembre, anche Hong Kong abbandonerà la maggioranza delle restrizioni anti-Covid.