×

Autobrennero, mamma e bimbo “Fermi per ore senza cibo e acqua”

Una famiglia in viaggio sull'Autobrennero è bloccata da ore senza cibo né acqua: "Stiamo centellinando la benzina, venite a prenderci".

Mamma e bimbo fermi in Autobrennero
Mamma e bimbo fermi in Autobrennero

Un viaggio che si è trasformato in un incubo. È quanto è accaduto a Lara Gecchele e a suo figlio di 8 anni, bloccati per ore sull’Autobrennero. La sua testimonianza è stata raccolta dall’Ansa. “Sono una mamma di un bambino di 8 anni e viaggiavo con mio marito, stanotte, sulla A22 per raggiungere i nonni e l’altra figlia già in vacanza sulla neve in Austria”, ha raccontato la donna alle ore 11.30.

“Ci siamo bloccati appena dopo Bressanone, alle 21.15 di ieri sera (non per colpa nostra, visto che viaggiamo in sicurezza con un’auto adatta alla neve) e non ci siamo più mossi da allora. Siamo qui da tutta la notte, in mezzo ai camion che sono tutti nella corsia di sorpasso, anche se gli era stato vietato. Avremo fatto 20 telefonate tra 112, servizio autostrada e Protezione Civile. Nessuno riesce a raggiungerci“.

Lara Gecchele

“Venite a prenderci”

Una situazione che, col passare delle ore, si è fatta sempre più drammatica. “Siamo senza cibo e l‘acqua è finita. Non abbiamo mai visto passare nessuno in 15 ore.

Vogliono forse lasciarci morire qui? Stiamo centellinando la benzina e ormai ovviamente il nostro morale è allo stremo. I camionisti che passano nell’altro senso parlano di rimanere qui fino a lunedì. Chiedo aiuto a voi. Smuovete le montagne e venite a prenderci”.

Famiglia bloccata sull’Autobrennero

Dall’altra parte del confine, l’infermiere Riccardo Del Bene, pesarese ma residente a Garmisch (in Germania), ha atteso per 20 ore che la sua famiglia lo raggiungesse.

La moglie e i figli di 12 e 15 anni sono rimasti bloccati per oltre 12 ore sull’Autobrennero. “Sono fermi in autostrada a una ventina di chilometri dal valico”, ha raccontato l’uomo a TgCom24 la mattina del 2 febbraio. “In tutte queste ore non hanno visto un lampeggiante, sia blu oppure giallo. Di solito in 6 ore sono qui. Abbiamo chiamato tutti i numeri di emergenza, ma non hanno ancora visto anima viva. Mi chiedo se devono morire in auto“.

Finalmente, poco dopo mezzogiorno, la moglie e i figli sono arrivati a destinazione. “L’incubo per fortuna è finito”, ha spiegato Del Bene. “Mia moglie e i miei ragazzi sono provati, sfiniti. È inconcepibile che siano rimasti bloccati in auto per così tante ore per una nevicata sul Brennero, sono infuriato“.

Contents.media
Ultima ora