Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Caltanissetta, maestra d’asilo arrestata per maltrattamenti
Cronaca

Caltanissetta, maestra d’asilo arrestata per maltrattamenti

carabinieri

Una maestra d'asilo di 60 anni è stata arrestata a Caltanissetta con l'accusa di maltrattamenti sui bambini.

Una donna è stata arrestata con l’accusa di maltrattamenti nei confronti degli alunni della sua classe. L’insegnante, 60enne, era in servizio presso una scuola dell’infanzia a Milena, in provincia di Caltanissetta. L’indagine è partita a seguito delle segnalazioni di alcuni genitori. Le vittime dei maltrattamenti sarebbero tutti bambini tra i 3 e i 5 anni. A compiere l’arresto sono stati i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Mussomeli, insieme ai colleghi della stazione di Milena.

L’indagine sulla maestra

Il provvedimento di arresto è stato emesso dal Gip del Tribunale di Caltanissetta su richiesta del Pubblico Ministero al termine di un’indagine durata circa un mese. Tutto è partito dalle segnalazioni dei genitori di alcuni alunni della scuola “Gianni Rodari”. Le forze dell’ordine avevano installato alcune telecamere di sorveglianza nell’istituto. Le immagini hanno mostrato chiaramente i maltrattamenti compiuti dall’insegnante. “Il quadro emerso sin dal primo giorno di riprese ha confermato l’ipotesi accusatoria”.

Giorno dopo giorno la donna avrebbe messo in atto comportamenti violenti nei confronti dei bambini: urla e atteggiamenti minacciosi, percosse, strattonamenti e punizioni violente. All’interno della classe si era creato un clima di terrore all’interno della classe. Attualmente l’insegnante si trova agli arresti domiciliari.

Un altro arresto a Siena

La notizia dell’arresto dell’insegnante a Caltanissetta, segue di poche ore quella di un arresto a Siena. Qui i carabinieri hanno arrestato un’educatrice di 52 anni che gestiva un nido domiciliare. Anche in quel caso l’arresto è avvenuto dopo una lunga indagine e grazie ai filmati delle telecamere di sorveglianza.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche