Roma, poliziotti accerchiati durante un arresto| Notizie.it
Roma, poliziotti accerchiati durante un arresto
Cronaca

Roma, poliziotti accerchiati durante un arresto

A Roma alcuni poliziotti - fermata l'auto di due fuggitivi - vengono accerchiati da una decina di residenti che vogliono impedirne l'arresto

Momenti di tensione a Tor Bella Monaca, quartiere della periferia romana spesso assurto alle cronache per casi di spaccio o di violenza. Alcuni agenti di Polizia, impegnati in una azione di contrasto al traffico di stupefacenti, hanno proceduto con il blocco di una vettura considerata sospetta che cercava di darsi alla fuga.

L’accerchiamento delle forze dell’ordine

Raggiunta la macchina in fuga e costretto il guidatore a fermarsi, gli agenti stavano facendo scendere gli occupanti dal veicolo, due cittadini romeni di 24 e 17 anni. A quel punto però, è accaduto un fatto inaspettato: una decina di persone residenti nel quartiere hanno cominciato ad accerchiare le volanti, e con fare minaccioso cercare di opporsi all’arresto dei fuggitivi. Ne sono scaturiti momenti di tensione, che hanno anche portato uno degli agenti ad estrarre la pistola di ordinanza per allontanare la massa di persone, sempre più vicina. Un gesto – quello del poliziotto – che è fortunatamente stato di per se sufficiente a causare la fuga della maggior parte delle persone presenti nei loro dintorni, e a far rientrare una situazione potenzialmente esplosiva.

Il video diffuso sul web

Il video prima di raggiungere i mezzi di informazione aveva avuto una notevole diffusione sul web.

Suscitando numerosi commenti, nella maggior parte dei casi di disapprovazione al gesto del poliziotto e di supporto al gesto dei giovani che hanno cercato di opporsi alle forze dell’ordine. Una ennesima dimostrazione di quello che rappresenta il reale pericolo alla sicurezza degli italiani, ossia la presenza sempre più pervasiva delle organizzazioni criminali, ormai in molti luoghi sempre più intenzionata a competere con lo stato centrale per il controllo del territorio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche