Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Violenza Circumvesuviana, scarcerato uno degli indagati
Cronaca

Violenza Circumvesuviana, scarcerato uno degli indagati

circumvesuviana

Colpo di scena sullo stupro in Circumvesuviana. Scarcerato uno dei tre indagati per la violenza ai danni della 25enne

Colpo di scena nell’inchiesta per lo stupro della 25enne avvenuto alla stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano. Il più giovane dei tre indagati, Alessandro Sbrescia, è stato scarcerato. Era stato il primo a proporre il ricorso attraverso gli avvocati Eduardo Izzo e Giuseppina Rendina. Il Riesame ha accolto la richiesta.

Scarcerato uno degli indagati

Il tribunale del riesame di Napoli ha valutato la scarcerazione di Alessandro Sbrescia, uno dei tre indagati per lo stupro avvenuto nell’ascensore della stazione della Circumvesuviana di San Giorgio a Cremano. Il collegio ha infatti accolto l’istanza dei difensori e ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare. I legali del ragazzo avevano sostenuto la mancanza di gravi indizi di colpevolezza e la carenza di esigenze cautelari. Sbrescia, così come gli altri due indagati, aveva più volte affermato che il rapporto con la ragazza era consenziente. La vittima, dal canto suo, ha invece sempre affermato il contrario.

I fatti

Una 25enne è stata violentata da tre giovani nella stazione ferroviaria di San Giorgio a Cremano.

La giovane, originaria di Portici, è stata trasferita in ospedale in via precauzionale, ma non avrebbe avuto conseguenze se non il grande shock. A dare l’allarme è stato un passante che avrebbe trovato la giovane seduta su una panchina in lacrime poco dopo aver subito la violenza. Gli agenti sono riusciti a risalire all’identità dei tre grazie alle immagini di alcune telecamere di sorveglianza presenti nella stazione. Sin da subito i tre avevano parlato di rapporto consenziente, mentre la giovane aveva negato questa ipotesi, confermando la violenza.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche