×

Viterbo, detenuto uccide compagno di cella

Un detenuto indiano avrebbe colpito il compagno di cella 61enne con uno sgabello. L'uomo è deceduto in ospedale.

carcere viterbo

Tragedia al carcere di Viterbo. Un detenuto indiano ha ucciso il suo compagno di cella 61enne. Sembra che il primo abbia colpito l’altro con uno sgabello. Immediati i soccorsi. L’uomo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Viterbo, dove è però morto nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo.

Sembra che tra i due sia scoppiata una violenta lite.

Omicidio in carcere

Una lite tra due compagni di cella è finita in tragedia. Un detenuto indiano si sarebbe scagliato contro il compagno 61enne colpendolo con uno sgabello. I soccorsi sono stati immediati e l’uomo è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Belcolle di Viterbo. Le sue condizioni sono però peggiorate repentinamente e l’uomo è deceduto attorno alle 3 di notte, poche ore dopo il ricovero.

A denunciare l’accaduto è stato Leo Beneduci, segretario generale dell’Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria.

“Sistema penitenziario allo sfascio”

Forti le parole del segretario generale, che ha denunciato una situazione di gravità: “E’ l’ennesimo segnale che il sistema penitenziario è ormai allo sfascio, e che tale situazione è dovuto al lassismo e alla permissività da parte degli organi amministrativi penitenziari: è l’effetto delle politiche scellerate del passato che hanno sguarnito l’organico del Corpo di Polizia Penitenziaria, abbandonandolo a sè stesso, senza adottare i dovuti provvedimenti, che continuiamo a chiedere invano”.

Beneduci ha poi proseguito: “Invece di adottare soltanto politiche di rieducazione, spesso tramutate in aggressioni ai poliziotti penitenziari, risse tra gli stessi detenuti e campagne di delegittimazione del personale di polizia penitenziaria di Viterbo, è ora che si adottino seri provvedimenti relativi alla sicurezza del personale e delle strutture penitenziarie stesse”.

Contents.media
Ultima ora