Ha un malore davanti alla moglie, morto padre di famiglia | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Padova, si accascia davanti alla moglie: 42enne morto di infarto
Cronaca

Padova, si accascia davanti alla moglie: 42enne morto di infarto

ambulanza

Morto a 42 anni per infarto. Dopo il malore davanti alla moglie, per lui non c'è stato nulla da fare. Lascia due bimbi piccoli.

Massimo Bellini era un artigiano e padre di due bambini, e si è sentito male davanti agli occhi della moglie, stroncato da un infarto. L’uomo ha accusato il malore nella mattinata di sabato, nella sua abitazione nel padovano. Immediato l’intervento dell’ambulanza che lo ha trasportato all'”Immacolata Concezione”. Da lì il trasferimento all’ospedale di Padova, ma tutto si è rivelato inutile. Nonostante i medici abbiano tentato il tutto per tutto per salvargli la vita, l’uomo è deceduto nella mattinata di domenica. Gli amici lo chiamavano “Speeto” e nel 2005 aveva aperto la sua azienda, la “BM costruzioni”. Bellini e la sua famiglia erano molto conosciuti nella zona e l’intera comunità è in lutto per la sua morte.

Il ricordo degli amici

Gli amici d’infanzia lo ricordano come un grande appassionato di motori. “Quando siamo cresciuti ha sposato Arianna, una ragazza umile e gentile con la quale da qualche anno aveva dato vita a una nuova famiglia”.

“Era quel genere di ragazzo che quando manca ne noti immediatamente l’assenza – dicono -. Era sempre sorridente, rideva e scherzava con tutti. Amava davvero la vita, soprattutto adesso, con la nascita dei suoi bambini. Era un ragazzo semplice, pieno di energia”. Gli amici hanno poi annunciato una raccolta fondi in favore della famiglia per aiutare i due bimbi, rimasti troppo presto orfani.

Anche il sindaco, Michele Giraldo, ha espresso il proprio cordoglio: “In questi momenti di difficoltà la nostra comunità si stringe alla famiglia di Massimo Bellini, alla moglie e ai suoi due piccoli. Non ci sono parole che possano descrivere il dolore per questa perdita”. Il parroco ha fatto visita alla famiglia.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche