×

Assegno divorzio, Veronica Lario delusa per la sentenza della Cassazione

Veronica Lario, ex moglie di Silvio Berlusconi, è profondamente delusa dalla sentenza della Corte di Cassazione.

berlusconi lario

Profonda delusione e amarezza per Veronica Lario in seguito alla sentenza sul suo divorzio. L’ex consorte del leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, reagisce così alla sentenza della Cassazione che pone la parola fine sul suo matrimonio. Per il momento non sono trapelate dichiarazioni ufficiali da parte della Lario ma il quotidiano Repubblica rivela alcune reazioni a caldo. “Forse ho sbagliato ad affrontare un uomo che nelle sedi giudiziarie ha vinto la maggior parte delle volte”, avrebbe dichiarato Veronica Lario in attesa di leggere le motivazioni della sentenza della Cassazione. L’ex First Lady italiana, oltre ad aver perso l’assegno di mantenimento mensile da 1,4 milioni di euro, dovrà anche restituire a Silvio Berlusconi circa 46 milioni di euro più gli interessi.

Veronica Lario, le ragioni della Cassazione

La Corte Suprema si era espressa lo scorso 30 agosto respingendo in via definitiva il ricorso di Veronica Lario contro la decisione della Corte d’Appello di Milano. Secondo la Cassazione, infatti, Berlusconi avrebbe assolto ai propri obblighi di mantenimento nei confronti dell’ex moglie già durante il matrimonio.

La Lario avrebbe ricevuto, nel corso del matrimonio, un ingente patrimonio mobiliare e immobiliare, giudicato sufficiente a garantirle un elevato tenore di vita. Il criterio del tenore del vita è infatti recentemente venuto meno in favore di quello “composito”. Anche sulla base di questo cambiamento, la Cassazione non ha ritenuto i sacrifici effettuati dalla Lario, e in particolare la rinuncia alla carriera da attrice, fondamentali per il successo politico ed economico dell’ex Cavaliere.

“Sono stata un’ingenua, avrei dovuto lasciare tutto sin dal giorno in cui ho detto basta e ho deciso di divorziare”, avrebbe concluso la Lario in seguito all’ultimo ko giudiziario.


Contatti:

Contatti:

Leggi anche