×

Coronavirus, terzo paziente guarito in Italia: è una donna di Vo’ Euganeo

Condividi su Facebook

Nonostante l'emergenza coronavirus, da Vo Euganeo, uno dei focolai italiani, arriva una buona notizia: c'è il terzo paziente guarito in Italia.

coronavirus paziente guarito
coronavirus paziente guarito

Dal coronavirus si può guarire: lo dicono gli esperti e lo confermano alcuni casi italiani. In particolare, nella serata di martedì 25 febbraio un paziente di Vo’ Euganeo che aveva contratto il coronavirus è guarito. Come ha detto più volte Walter Ricciardi dell’Oms: “L’allarme va ridimensionato” in quanto “il 95% di chi viene infettato si rimette senza problemi”. Sono importanti le misure precauzionali e contenitive, ma non gli allarmismi.

Coronavirus, terzo paziente guarito

Sale a tre il numero di persone che hanno sconfitto il coronavirus: l’ultimo paziente guarito in Italia è una donna di Vo’ Euganeo. La malattia, ricordiamo, non è nella maggior parte dei casi letale, ma se sommata a ulteriori patologie potrebbe rivelarsi tale.

“Su 100 persone malate”, ha detto infatti Ricciardi, “80 guariscono spontaneamente, 15 hanno problemi seri ma gestibili in ambiente sanitario e quindi guariscono, il 5% è grave, ma di questo 5% solo il 3% muore”.

Tutte le persone decedute, sottolinea anche Ricciardi, “erano in gravi condizioni di salute per proprie patologie pregresse”.


Dai dati, dunque, pare non esserci alcun allarme nazionale, ma soltanto alcune precauzioni da mantenere per evitare la rapida diffusione del Covid-19. Il primo caso di guarigione italiano è stato il ricercatore di 29 anni tornato da Wuhan e ricoverato allo Spallanzani di Roma, che è ripetutamente risultato negativo ai test. Il dermatologo del Policlinico di Milano, un professore di 55 anni, è il secondo. Anche lui è migliorato in pochissimi giorni e ormai è in fase di dimissioni. La signora di Vo’ Euganeo, infine, è sempre stata asintomatica ed è stata dimessa e riportata a casa nel pomeriggio del 25 febbraio. Rimane comunque in isolamento domiciliare per 14 giorni ma solo come misura precauzionale.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche