×

Coronavirus, è morto Giuseppe Larotonda: non aveva patologie pregresse

Condividi su Facebook

Giuseppe Larotonda è morto a causa del coronavirus: era ricoverato da tempo nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Potenza.

coronavirus giuseppe larotonda
coronavirus giuseppe larotonda

Aveva solo 38 anni Giuseppe Larotonda, una delle vittime più giovani di coronavirus in Italia: è morto all’ospedale di Potenza. L’uomo era ricoverato da settimane nel reparto di terapia intensiva: originario di Rapolla ma in servizio come agente di Polizia a Melfi.

Potrebbe, secondo quanto riportato su alcuni quotidiani, aver contratto il virus a Parma, mentre trasferiva la salma del terzo fratello morto per una forma di fibrosi cistica.

Coronavirus, è morto Giuseppe Larotonda

In Basilicata sono stati registrati 10 decessi: Giuseppe Larotonda, morto a causa del coronavirus, è la vittima più giovane della Regione.

Aveva 38 anni e lavorava come agente di Polizia: tutti lo conoscevano con il soprannome di Pino. Ricoverato da due settimane presso l’ospedale San Carlo di Potenza, le sue condizioni sarebbero improvvisamente peggiorate negli ultimi giorni.

Giuseppe e la sorella sono stati tra i primi casi registrati in Basilicata proprio perché un mese prima si erano recati a Parma per trasferire il cadavere del fratello, morto per sclerosi multipla.

Proprio in quella città, forse, sarebbero rimasti contagiati. Giuseppe amava lo sport e non aveva alcuna patologie pregressa, ma con l’aggravarsi delle sue condizioni i medici non sono riusciti a salvarlo.

Il cordoglio

Sono tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi sulla sua pagina Facebook: “Una notizia che stringe il cuore e mi lascia senza parole.

Una tragedia. Ciao Giuseppe Pino Larotonda, grande amante della politica e delle Istituzioni. Grande amante della nostra terra”, scrive Antonio.

“Ho conosciuto anni fa Giuseppe grazie alla politica, da posizioni opposte ci siamo spesso confrontati e scontrati ma sempre con educazione e rispetto. Sono sconvolto. Un abbraccio alla sua giovane famiglia”, si legge nel messaggio di Francesco.

Infine, anche Ilenia: “Una preghiera per te caro collega. Prudenza ed Attenzione per noi che ogni giorno possiamo essere a rischio.

Questo maledetto nemico sta facendo tante vittime“.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.