×

Monreale, bimbo di 3 anni morto impigliato nella tenda

Condividi su Facebook

Tragedia a Monreale, dove un bimbo di 3 anni ha perso la vita. A dare l'allarme è stato il padre.

monreale bimbo morto

Tragedia a Monreale, dove un bimbo di 3 anni ha perso la vita. A dare l’allarme è stato il padre, dopo averlo trovato morto nella tenda della sua camera. Inutili i soccorsi del 118.

Monreale, bimbo muore impigliato

Si è consumata un’altra tragedia domestica.

La notte del 18 aprile a Monreale (Palermo), un bimbo di 3 anni è caduto e morto, rimanendo impigliato nella tenda della sua camera da letto. A dare l’allarme è stato il padre che dopo averlo ritrovato, ha chiamato i soccorsi del 118, ma purtroppo sembra che il bimbo sia morto sul colpo, vanificando così i soccorsi. Sul posto sono accorsi anche i carabinieri che hanno subito ascoltato i genitori.

La dinamica

Secondo quanto raccolto dai carabinieri di Monreale, il bimbo si trovava in camera sua la tragica notte, con entrambi i genitori nell’altra stanza che guardavano la televisione. Il bimbo sarebbe salito sul tavolo per giocare, per poi cadere e sbattere la testa su una mensola di marmo. A quel punto il bimbo avrebbe perso i sensi ed è rimasto impigliato nel cordino della sua tenda. Ora la polizia ha aperto un’indagine sulla morte del piccolo, ed effettuerà ulteriori accertamenti per stabilire le responsabilità dell’accaduto.

Nuovi positivi nella casa di riposo

Intanto a Palermo la situazione coronavirus continua a evidenziare sviluppi importanti. Per quanto riguarda le case di cura, proprio nella città siciliana nella giornata di sabato 18 aprile sono risultate positive due anziane del Regina Pacis.

Nella casa di riposo sono stati fatti dieci tamponi, a sette ospiti della struttura e a 3 operatori. Si teme dunque un altro focolaio a Palermo dopo il caso della clinica Villa Maria Eleonora, dove 35 persone sono risultate positive al coronavirus.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.