×

Coronavirus, la storia di Marco Maffeis: in coma lontano da Bergamo

Questa è la stroia do Marco Maffeies, 61enne di Bergamo risvegliatoso dal coma dopo aver contratto il coronavirus

coronavirus marco maffeis coma
coronavirus marco maffeis coma

Marco Maffeis, 61enne di Clusone (Bergamo) aveva contratto il coronavirus nel bel mezzo dell’epidemia, costringendo i medici al trasporto presso la terapia Intensiva di Palermo, ma dopo un mese di coma, Marco si è finalmente risvegliato.

Coronavirus, il coma siciliano di Marco

Questa è la storia di Marco Maffeis, 61enne di Clusone (Bergamo) che aveva contratto il coronavirus nel bel mezzo dell’epidemia, finendo in coma per un mese, quando ad un certo punto si è risvegliato.

A raccontare la storia di Marco è il suo medico curante, il dottor Stefano Bonazzi, che durante la sua degenza ha dovuto prendere una decisione importante: trasferirlo da Bergamo a Palermo, visto che nella città orobica la situazione sanitaria era al collasso.

Cure a distanza

Quando l’ho visto decollare, ho pianto. Era la sua unica speranza“, così esordisce il dottore. “Maffeis è stato il primo portato da Piario fuori regione, con il C-130J dell’Aeronautica militare. Alla fine dell’ondata sono stati in 50, lontano o lontanissimo, in ambulanza o in volo, 15 passati da quella Terapia intensiva arrangiata in un giorno, facendo i salti mortali”.

Il medico poi racconta del coordinamento con l’Aereonautica e i medici di Palermo per il trasferimento di Marco Maffeis, ma soprattutto di come in pochi attimi si accorto che il rapporto formale si sia trasformato in un rapporto di amicizia:“Ricordo perfettamente quando a mezzanotte ho chiamato e ha risposto la figlia.

Ne è nata un’amicizia […] Gli tenevo la mano e gli dicevo “non mollare”.

Contents.media
Ultima ora