> > Coronavirus: la mortalità a Bergamo ha avuto un aumento del 464%

Coronavirus: la mortalità a Bergamo ha avuto un aumento del 464%

coronavirus mortalità bergamo

La mortalità della provincia di Bergamo dopo l'epidemia di coronavirus è aumentata del 464%: é l'aumento più alto del mondo.

Un’analisi del Financial Times ha rivelato come a causa dell’epidemia di coronavirus la mortalità dell’area di Bergamo ha subito il maggior aumento rispetto agli anni precedenti.

L’incremento registrato è infatti stato del 464%, superiore anche a quello di New York e Madrid dove è stato pari rispettivamente al 200% e al 161%.

Coronavirus: mortalità a Bergamo

Gli studiosi hanno preso in considerazione la quantità di vittime con l’infezione e ne hanno ricavato che in 14 paesi potrebbe anche essere del 60% in più di quanto contengano i conteggi ufficiali. Le statistiche relative alla mortalità nelle nazioni studiati mostrano come ci siano 122 mila morti in eccesso rispetto alle cifre degli anni precedenti.

Confrontando il totale dei decessi nelle località studiate (per qualsiasi causa, non solo per l’infezione) nei mesi di marzo e aprile 2020 con quelli avvenuti in media nello stesso periodo tra il 2015 e il 2019, in tutti i paesi i morti in eccesso superano di molto il numero di morti ufficiali per la pandemia. Unica eccezione a questo calcolo è stata la Germania.

Un focus preciso sulla Lombardia, che il quotidiano ha definito il peggior focolaio europeo, ha fatto notare che la mortalità sarebbe aumentata del 155%. In particolare la provincia di Bergamo avrebbe registrato l’incremento maggiore a livello internazionale contando il 464% dei morti in più. A confermare questo dato vi erano stati anche precedenti studi che avevano evidenziato un numero di decessi molto più alto di quello riportato dai bilanci ufficiali.