×

Violenza domestica in quarantena: 6 casi in poche ore a Napoli

A Napoli sono stai registrati 6 casi di violenza tra le mura di casa in poche ore. Situazione che preoccupa gli psicologi.

violenza domestica napoli
violenza domestica napoli

Aumentano vertiginosamente i casi di violenza domestica in quarantena. A Napoli i carabinieri hanno registratro 6 casi in poche ore. In tutti i casi riscontrarti per fortuna i militari hanno scongiurato il peggio consegnando alla giustizia i colpevoli. La situazione ora preoccupa anche gli psicologi che all’inizio del lockdown avevano previsto una situazione alquanto complicata da affrontare.

Violenza domestica, casi ravvicinati a Napoli

I carabinieri di Napoli e dintorni nin queste settimane di lockdown hanno registrato nuemrosi casi di violenza domestica, ma il picco lo si è raggiunto con 6 casi riscontrati in poche ore, a poca distanza l’uno dell’altro.

A Santa Maria la Carità, popoloso centro del Casertano, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia un 48enne del luogo già noto alle forze dell’ordine L’uomo, durante una lite con i genitori anziani, aveva danneggiato mobili e oggetti vari dell’abitazione.In seguito avrebbe preso a pugni senza motivo i due genitori.

Violenza confinata

A Poggiomarino, nel Napoletano, poco distante da Nola. I carabinieri hanno fermato e ammanettatoun 37enne con l’accusa di maltrattamenti e tentata estorsione nei confronti dei suoi genitori.

L’uomo aveva appena aggredito i genitori che alla fine sono risuciti a chiamare il 112; i militari lo hanno bloccato all’interno dell’abitazione.

Ma non finisce qui: ad Arzano i carabinieri della locale hanno arrestato in forza di un provvedimento emesso dal tribunale di Napoli nord un 29enne del posto. L’uomo che era per legge era costretto a stare lontano dalla famiglia per un’ingiuzione ha continuato a tormentare le vittime che si sono rivolte ai carabinieri. Inevitabile il carcere per l’uomo.

Anche un 34enne di Torre Del Greco (pregiudicato) è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia. I vicini hanno chiamato il 112 dopo ache l’uomo ha spaccato i vetri e la porat di ingresso della casa del fratetlo con cui conviveva.

Stessa sorte è toccato anche ad un marito violento di Caivano. La moglie e la figlia hanno avuto il coraggio di denunciare i soprusi dell’uomo che ogni giorno chiedeva i soldi per l’acquisto di sostanze stupefacenti.

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Marco Alborghetti

Di Bergamo, laureato in Scienze Umanistiche per la Comunicazione e con l'ambizione di diventare giornalista. Lo sport è la mia passione, perché l'Atalanta è un mio pezzo di cuore. Divoro libri, onnivoro musicale, ma ffino ad un certo limite. Ascoltare gli altri è un piacere, scrivere lo è ancor di più.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora