×

Coronavirus, Crisanti: “Oms ha sbagliato tutto basandosi sulla Cina”

Condividi su Facebook

L'Oms avrebbe sbagliato tutto riguardo al Coronavirus. Secondo il virologo Andrea Crisanti è stato un errore basarsi sui dati della Cina.

Coronavirus, Oms ha compiuto errori secondo Crisanti
Per il virologo Andrea Crisanti l'Oms ha compiuto errori in merito al Coronavirus.

Il professor Andrea Crisanti afferma che l’Oms, riguardo al Coronavirus, ha sbagliato tutto: non avrebbe dovuto basarsi sui dati diffusi dalla Cina. Direttore del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università di Padova e del Laboratorio di Virologia e Microbiologia dell’Università AO di Padova, ha guidato il Veneto fuori dall’emergenza e indetto una conferenza stampa virtuale con diverse testate giornalistiche per parlarne.

Crisanti sull’Oms e gli asintomatici

Il virologo parla di mancanza di trasparenza in Cina, motivo per il quale l’Organizzazione Mondiale della Salute sarà chiamata a rispondere di ciò che ha analizzato e ispezionato durante il sopralluogo: “Sono quindi d’accordo con coloro che ipotizzano che la posizione dell’OMS sia stata influenzata da considerazioni geopolitiche più che di sanità pubblica di interesse mondiale”, dichiara.

“Stanno emergendo numerosi casi di asintomatici che rimangono positivi anche per due mesi”, dichiara aprendo così il suo intervento, “Gli anticorpi neutralizzanti si trovano in grande quantità soltanto nelle persone che hanno avuto una grossa sintomatologia, mentre negli asintomatici questa concentrazione è molto bassa, se non assente”.

Tamponi a tappeto per il Coronavirus

La strategia del virologo sui tamponi si è rivelata vincente per Vo’ Euganeo e tutto il Veneto. “La stessa esperienza ha orientato tutta l’azione dell’ospedale di Padova nel prevenire che diventasse un focolaio di infezione e diffusione”, spiega, “com’è invece accaduto ad Alzano Lombardo, dove il virus ha praticamente distrutto l’intera provincia”.

Su 200mila abitanti ci sono stati 140mila tamponi, per questo motivo Crisanti ha lanciato una campagna che promuove test di massa: “Comprende sia aspetti di carattere operativo nazionale, sia di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e del mondo della politica affinché si tengano pronti per due fasi fondamentali”, spiega.

La prima fase è partita con la riapertura del 4 maggio 2020, la seconda avverrà in autunno, periodo di vera sfida secondo il professore.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Appassionata di lingue straniere e giornalismo, ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine. Le sue grandi passioni sono il fitness e l'equitazione, lo spettacolo, i viaggi, la fotografia e la natura.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.