×

Carabinieri di Piacenza, la trans: “Io sieropositiva, non volevano protezioni”

Condividi su Facebook

Parla Francesca, la trans che ha deciso di denunciare i festini dei carabinieri di Piacenza: "Anche la polizia sapeva".

carabinieri piacenza trans

La caserma Levante dei Carabinieri di Piacenza è stata teatro di festini con droga e escort, alcune delle quali trans sotto ricatto dei militari stessi. A denunciare era stata proprio una di loro, Francesca, che aveva affermato di essere stata più volte minacciata dagli ormai noti esponenti dell’Arma, arrivando fino al punto di essere presa a schiaffi.

Ha denunciato solo ora perchè aveva paura e poi, in effetti, a chi avrebbe dovuto sporgere denuncia? Ai carabinieri. In una recente intervista a Radio Capital, Francesca ha fornito ulteriori dettagli sui festini. “Il responsabile è il maresciallo Orlando, della caserma di via Caccialupo. Quella caserma era un pu**anaio, almeno quattro volte abbiamo fatto feste con sesso e droga. Volevano fare tutto senza protezione anche se io sono sieropositiva“.

Carabinieri di Piacenza, la trans dei festini

“Se non lavoravo per lui, per il Comandante Orlando, faceva in modo di mandarmi in Brasile. Un po’ di botte le ho prese, ma erano aggressioni sessuali, sono i maniaci del sesso, perchè loro sono maiali” spiega Francesca. “Era sesso a go-go, droga a go-go. Volevano fare tutto senza protezione ero io che frenavo. Io sono sieropositiva, ma uso sempre il preservativo. Le altre lo facevano senza, ma io no.

Loro facevano sesso violento, sesso animale“.

Poi le domande di Ernesto Manfrè scendono più nei particolari, rivolgendosi ad alcuni dettagli dei rapporti intimi con i carabinieri. Sono tutti gay perché succhiano ca**i. Scopa fi*a, scopa cu*o, succhia ca**o, vuol dire che sono gay. Però io ho usato sempre il mio guanto con loro, perché lo sapevo che questa bomba esplodeva. Io sono andata in caserma 3 o 4 volte”.

Inoltre, secondo Francesca, anche la polizia di Piacenza sarebbe stata a conoscenza di quanto avveniva nella caserma Levante. “La Polizia sapeva che uno di loro veniva a casa mia e una volta sono andata a sporgere denuncia. Sono fatti che sono successi da tanto tempo a Piacenza, non solo con la caserma dei Carabinieri, ma anche la Questura. Adesso si sono calmati ma anche loro ne hanno combinate di tutti i colori”.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marcelly Halls prato
30 Luglio 2020 16:52

Io no credo che sia vero carabinieri sono essere umano come tutti . Ce quelle che piace la droga ce quelle che fai tutto come tutti essere umani qualcosa ce li che no va .qualcuna buggia. Anche noi trans sono delle serpenti. No credete in tutto che dice per penso che è per difendersi. 7n trans che ce paura di andare in Brasile no fa con qui un altra sia rimpatriata come è fatto questa con una mia amica Alessia di yansa.


Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.