×

L’indice di contagio in Italia è pari a 1,17: “L’epidemia sta accelerando”

Condividi su Facebook

L'indice di contagio in Italia ha raggiunto quota 1,17: in quasi tutte le regioni ha superato la soglia critica dell'1.

Coronavirus, in Italia aumento indice Rt
L'indice Rt Coronavirus in Italia aumenta a 1,18.

Il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità ha rilevato un aumento dell’indice di contagio nazionale che ha raggiunto quota 1,17. Gli esperti hanno parlato di un’accelerazione nell’evoluzione dell’epidemia, ormai entrata in una fase acuta con un incremento progressivo nel numero dei casi e con “evidenze di criticità nei servizi territoriali ed aumenti nel tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e area medica“.

Indice di contagio in Italia e nelle regioni

Sono 18 su 20 le regioni in cui l’Rt ha superato quota 1, con il valore massimo registrato in Valle d’Aosta (1,53) e quello minimo in Molise (0,82). Una situazione che ha spinto i tecnici a invocare una rapida analisi del rischio sub-regionale per l’innalzamento delle misure di contenimento e mitigazione nelle aree maggiormente affette. Proprio a questo scopo il governo varerà tra domenica 18 e lunedì 19 un nuovo dpcm con ulteriori norme restrittive, che le singole regioni potranno decidere di inasprire.

Indice di contagio Italia

Questi gli indici di contagio dei territori, riportati in ordine alfabetico:

  • Abruzzo: 1.18
  • Basilicata: 1
  • Calabria: 0.94
  • Campania: 1.29
  • Emilia Romagna: 1.12
  • Friuli: 1.24
  • Lazio: 1.14
  • Liguria: 1.02
  • Lombardia: 1.15
  • Marche: 1.14
  • Molise: 0.83
  • Bolzano: 1.32
  • Trento: 1.15
  • Piemonte: 1.39
  • Puglia: 1.14
  • Sardegna: 1.1
  • Sicilia: 1.23
  • Toscana: 1.28
  • Umbria: 1.4
  • Valle d’Aosta: 1.53
  • Veneto: 1.15

Quanto ai nuovi focolai, l’Istituto Superiore di Sanità ne ha riportati complessivamente 4.913 attivi tra cui 1.749 nuovi, entrambi valori in aumento per l’undicesima settimana consecutiva.

La maggior parte di essi si verifica in ambito domiciliare (80,3%) mentre poca incidenza sembra aver avuto l’apertura delle scuole. Pur in salita, la percentuale di cluster sviluppatisi in ambito scolastico è pari al 3,8% del totale.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.