×

Crolla palazzina a Napoli, soccorritori cercano dispersi sotto le macerie

Condividi su Facebook

Una palazzina di tre piani da anni in stato di abbandono è crollata a Napoli, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Si cercano dispersi.

Una palazzina di tre piani da anni in stato di abbandono è crollata a Napoli, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Sul posto sono immediatamente giunti gli operatori dei vigili del fuoco che stanno cercando di capire se possano esserci delle persone intrappolate tra le macerie.

L’edificio è infatti luogo di ritrovo per molti senzatetto che altrimenti non avrebbero posto dove dormire.

Crolla palazzina a Napoli, si cercano dispersi

Il crollo dell’edificio è avvenuto in via Detta Innominata, poco distante dalla stazione del passante ferroviario San Giovanni-Barra, capolinea della linea 2.

Il timore dei soccorritori accorsi sul luogo del crollo è che qualcuno possa essere rimasto sepolto vivo dalle macerie dell’edificio, che si trovava in stato di abbandono da almeno un ventina di anni. Sul posto sono in seguito intervenuti anche i Carabinieri della compagnia di Poggioreale.

Come è stato reso noto successivamente, a crollare non è stato l’intero edificio ma soltanto uno dei muri perimetrali di quest’ultimo. Nel 2013 inoltre, sulla stessa via un altro palazzo crollo sempre per un cedimento strutturale dovuto ad anni di abbandono. Anche in quel caso si temette che qualcuno potesse essere stato travolto dalle macerie, dato che nella zona sono diversi gli edifici che vengono utilizzati come alloggi di fortuna dai senzatetto.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Contents.media