×

Varese, la proposta di matrimonio è sulla tuta anti covid

Operatrice sanitaria scrive sulla tuta anti covid: "Lorenzo mi vuoi sposare?". Le proposte di matrimonio ai tempi della pandemia.

proposta matrimonio tuta anti covid

Anche le proposte di matrimonio si adeguano ai tempi che stiamo vivendo e così un’operatrice sanitaria di Varese – impegnata nelle vaccinazione nell’Asst Valle Olona a Viggiù – ha deciso di chiedere al compagno di unirsi a lei scrivendo sulla sua tuta anti covid la seguente domanda: “Lorenzo mi vuoi sposare?”.

Chiara Vangeli, questo il nome della ragazza, ha spiegato così il suo gesto all’Ansa: “Con Lorenzo ci conosciamo da anni, scuola, laurea insieme, anche lui assistente sanitario, assunti quasi contemporaneamente, anche se non lavoriamo insieme. Io sono sempre stata innamorata di lui – aggiunge – ma lui si è accorto davvero di me solo da pochi mesi e ora pensiamo al matrimonio“.

Proposta di matrimonio sulla tuta anti covid

Una storia d’amore nata in piena pandemia tra due persone che per lavoro la combattono in prima linea ogni giorno. Un gesto quasi liberatorio quello della scritta sulla tuta, che ha avuto inevitabilmente un grande eco sui social network. Non credevo di provocare tutto questo interesse – dice Chiara Vangeli – doveva esser solo una cosa simpatica tra me e i miei colleghi, ma sono comunque contenta: spero che tutto questo venga letto come un messaggio di speranza“.

Il progetto del matrimonio è ancora qualcosa di molto lontano, spiega sempre l’operatrice sanitaria, ma Lorenzo “sa che prima o poi è quello che faremo, non riesco a immaginare la mia vita con nessun altro vicino”. Lo stesso avrebbe preso la proposta con grande simpatia, un momento di leggerezza in mezzo a tante difficoltà. È così che la Vangeli spera venga interpretato il suo gesto, soprattutto dai suoi coetanei: “Lo so che molti si stanno lasciando prendere dallo sconforto, che dicono non ne possiamo più e tanto non serve a nulla fare tutti questi sacrifici.

Io invece – ha concluso – dico loro di essere più speranzosi, ne usciremo e soprattutto un consiglio vaccinatevi“.

Contents.media
Ultima ora