Come l’equity crowfunding può favorire l’innovazione
Economia

Come l’equity crowfunding può favorire l’innovazione

investimento
investimento

L’equity crowdfunding, oltre a permettere il finanziamento di progetti di startup e PMI, è uno strumento che può favorire l’innovazione

Sempre più spesso startup e PMI innovative decidono di ricorrere a metodi di finanziamento diversi rispetto a quelli tradizionali. Uno dei più innovativi è senza dubbio l’equity crowdfunding che permette alle aziende di raccogliere i fondi necessari per finanziare i propri progetti e di trovare soci interessati a contribuire al successo dell’organizzazione. Il tutto tramite apposite piattaforme online. Uno degli aspetti più interessanti di questa modalità di finanziamento è la sua attitudine a favorire l’innovazione: scopriamo insieme come.

Equity crowdfunding: come aiuta l’innovazione

L’obiettivo delle piattaforme di equity crowdfunding è quello di far finanziare i progetti di startup innovative permettendo loro di emergere, di valorizzarsi e successivamente di affermarsi sul mercato. Osservando la missione di questi portali è possibile individuare due fattori che contribuiscono alla diffusione dell’innovazione:

  • finanziamento di progetti innovativi che permette alle startup innovative, che raccolgono i fondi necessari tramite le piattaforme di equity crowdfunding, di crescere e affermarsi entrando stabilmente a far parte del mercato.
  • Il procedimento, cioè la modalità di finanziamento stessa che sta alla base dell’equity crowdfunding, è innovativo perché permette di raccogliere denaro in modo più veloce rispetto ai metodi tradizionali e perché il tutto avviene tramite piattaforme online. Inoltre, le peculiarità di questo metodo di finanziamento, fanno sì che il numero di potenziali investitori sia maggiore rispetto ai sistemi tradizionali aumentando le probabilità di successo dei progetti.

Agevolazioni finanziarie per l’equity crowdfunding

I governi di molti paesi, riconosciuta l’utilità dell’equity crowdfunding, hanno deciso di incentivarne l’utilizzo tramite agevolazioni fiscali. Anche questo fattore, seppur indirettamente, contribuisce alla diffusione dell’innovazione: le deduzioni e le detrazioni attirano i potenziali finanziatori aumentando i fondi raccolti dalle piattaforme.
In Italia, in particolare, è molto conveniente investire tramite equity crowdfunding: i soci, infatti, ottengono una detrazione IRPEF pari al 40% del capitale investito, mentre le aziende una deduzione IRES sempre dello stesso valore. Il boom dell’equity crowdfunding, quindi, ha avuto una portata tale da spingere molti governi nazionali a incentivarne l’utilizzo dal momento che la diffusione di imprese innovative giova anche ai loro paesi.

Persone in contatto grazie all’equity crowdfunding

L’ultimo importantissimo fattore che spiega come l’equity crowdfunding favorisca l’innovazione è il numero di relazioni che esso genera. L’esperienza all’interno di queste piattaforme, infatti, non si limita alla raccolta dei fondi ma si estende anche ai contatti che si creano con altre persone. Queste nuove conoscenze favoriscono lo scambio di idee che a loro volta potrebbero portare alla nascita di nuovi progetti innovativi. Le relazioni sono una delle principali spinte all’innovazione e questi portali sono un ambiente perfetto per agevolarne la formazione.

Investire in Notizie.it

Grazie al suo modello di business innovativo e al grande seguito sui social media, Notizie.it è riuscita in appena 18 mesi a entrare a far parte dei primi 30 siti di informazione italiani. Si tratta di un risultato straordinario ma l’obiettivo della testata giornalistica è quello di continuare a crescere per rivoluzionare il mondo dell’editoria e per offrire un servizio sempre migliore agli utenti. Notizie.it è su Mamacrowd, la piattaforma italiana di equity crowdfunding tramite cui l’azienda riuscirà a raccogliere i fondi necessari per implementare un algoritmo di intelligenza artificiale che le consentirà di diventare ancora più efficace.

Chi crede nel progetto potrà investire su Notizie.it in modo semplice e veloce grazie all’equity crowdfunding: dal 14 maggio, infatti, è possibile diventare soci finanziatori dell’azienda. In questo modo si contribuirà a renderla un punto di riferimento nel mondo dell’editoria affinché l’informazione possa rimanere libera, gratuita e indipendente.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche