×

Rottamazione ter, in arrivo 700mila lettere con le cifre da pagare

Per i ritardatari della rottamazione ter e per chi ha chiesto di aderire al “saldo e stralcio” delle cartelle sono in arrivo circa 690mila lettere

rottamazione ter
rottamazione ter

L’Agenzia delle entrate sta inviando le comunicazioni con le somme dovute ai contribuenti che dovranno presentarsi alla cassa entro il 2 dicembre prossimo. In totale si contano circa 690.000 lettere in arrivo. Con il decreto fiscale, inoltre, si riapriranno i termini di versamento per chi ha saltato la scadenza di luglio. Le comunicazioni su rottamazione ter e per chi ha chiesto di aderire al “saldo e stralcio” delle cartelle verranno trasmesse via Pec e raccomandata. Con le comunicazioni, inoltre, arriveranno i bollettini di pagamento. Su quest’ultimi, inoltre, saranno indicate le rate previste e definite in base alla scelta effettuata in fase di adesione.

Rottamazione ter, le comunicazioni

L’invio delle comunicazioni sarà completato entro il 31 ottobre 2019. Nella tornata successiva a quella con scadenza luglio 2019, le domande per la rottamazione hanno raggiunto oltre 2 milioni.

La rottamazione ter permette di pagare esclusivamente le imposte dovute, evitando l’aggiunta di sanzioni e interessi di mora.

Con il “saldo e stralcio”, riservato ai contribuenti con Isee inferiore a 20.000 euro, la cifra da pagare varia dal 16 al 35% del dovuto.

Per il saldo e stralcio sono previste fino a 5 rate in tre anni, per la rottamazione ter fino a 17 rate in cinque anni. Il 30 novembre sarebbe dovuta la data di scadenza della prima rata. Tuttavia, essendo un sabato, il limite slitta al 2 dicembre. Da novembre il portale di Agenzia entrate-Riscossione metterà a disposizione degli utenti un apposito servizio necessario per scaricare i bollettini da usare per il versamento.

Chiare anche le modalità di pagamento. L’importo, infatti, potrà essere saldato non solo agli sportelli e sul portale di Agenzia delle entrate-Riscossione.

Il pagamento si potrà effettuare recandosi in banca o in posta, ai bancomat abilitati ai servizi di pagamento Cbill, nei tabaccai aderenti a Banca 5 SpA, tramite i circuiti Sisal e Lottomatica, e anche servendosi dell’App Equiclick tramite la piattaforma pagoPA. I versamenti, inoltre, potranno essere apportati persino attraverso la compensazione con i crediti certificati maturati nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche