Spagna, il pozzo in cui è caduto Julen è illegale | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Spagna, il pozzo in cui è caduto Julen è illegale
Esteri

Spagna, il pozzo in cui è caduto Julen è illegale

Spagna, pozzi illegali
Spagna, pozzi illegali

La Spagna è nei record per i pozzi scavati senza autorizzazione e poi abbandonati: 12 anni fa erano 510.000, ora se ne ipotizzano un milione.

Il pozzo in cui il piccolo Julen è caduto non è a norma. Non esiste nessuna documentazione e nessun permesso. Purtroppo fa parte di una lunga lista di pozzi illegali presenti in Spagna, lasciati completamente scoperti finiti i lavori.

Julen caduto in un pozzo illegale

Il pozzo in cui è caduto Julen Rosello, due anni, si trova a Sierra di Titolan, vicino a Malaga. Si tratta di un buco profondo 107 metri, scavato non si sa bene quando nella speranza di trovare dell’acqua, ma è stato effettuato illegalmente. Infatti, come riporta Meteoweb, alle autorità andaluse incaricate di rilasciare i permessi per i sondaggi di acqua non risulta nessuna richiesta. A rendere così difficile il recupero del piccolo Julen è la mancanza di un documento di progettazione che possa attestare come quel pozzo sia stato scavato. Una volta scoperto che non c’era acqua, è stato semplicemente abbandonato, senza porre una recinzione, una segnaletica per renderlo visibile.


Spagna, un milione i pozzi non autorizzati

Il pozzo di Sierra di Titolan è solo uno dei molti buchi illegali presenti sul territorio spagnolo.

Secondo quanto riporta il sito lasexta.com, i pozzi illegali in Spagna potrebbero arrivare a un milione. 12 anni fa le buche senza protezione registrate erano 510.00, ora non è difficile ipotizzare che siano molte di più. Pare che procedere con uno scavo importante senza essere in possesso della documentazione necessaria, in Spagna sia una prassi ben conosciuta. Come accaduto per il pozzo vicino a Malaga in cui è precipitato il piccolo Julen, quasi tutti sono stati abbandonati. La copertura dovrebbe essere un compito dei proprietari, ma risulta una procedura costosa. Lasciarlo scoperto è molto più semplice e a zero spese. Inoltre spesso vengono lasciati scoperti nella speranza di trovare un giorno dell’acqua. Ma una tragedia come quella di Julen non dovrebbe accadere.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche