Sudafrica, neonata gettata in un tombino: è viva
Sudafrica, neonata gettata in un tombino: è viva
Esteri

Sudafrica, neonata gettata in un tombino: è viva

Una neonata è stata abbandonata in un tombino a Durban, in Sudafrica: è stata salvata ed è in buone condizioni. La polizia cerca la madre.

Una neonata è viva per miracolo, dopo essere stata gettata in un tombino di Durban, in Sudafrica. Secondo quanto riportato da Caffeinamagazine, la bimba, nata solo da pochi giorni, è stata buttata in un canale di scolo con ancora il cordone ombelicale intatto e attaccato al corpo. L’allarme è stato lanciato da alcuni passanti, insospettiti dal suono di un pianto insistente proveniente dal tombino. I soccorritori, immediatamente intervenuti, sono riusciti a estrarla dal canale con non piche difficoltà. Il salvataggio è avvenuto dopo un’operazione durata quattro ore. Gli operatori hanno dovuto farsi largo scavando manualmente, con un martello e uno scalpello.

Neonata abbandonata in un tombino

La piccola, tratta in salvo, è stata visitata dal dottor Albert Luthuli. Il medico ha definito “incredibile” la sua sopravvivenza, un vero miracolo. La neonata, che sembra essere venuta al mondo da non più di due giorni, è in buona salute. Mostra i segni di una lieve ipotermia ed è stata posta in un’incubatrice, ma le sue condizioni non destano particolare preoccupazione.

Il personale sanitario dell’ospedale dove è stata ricoverata l’ha ribattezzata Sibanisethu, ovvero “la nostra luce”. La bimba è stata presumibilmente abbandonata dalla madre dopo il parto.

La polizia locale ha aperto un’indagine per risalire all’identità della madre e per capire chi abbia gettato la piccola nel tombino. Gli inquirenti stanno controllando i registri delle nascite di tutti gli ospedali della zona. L’accusa di cui dovrà rispondere il responsabile dell’abbandono è tentato omicidio.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Lisa Pendezza 1763 Articoli
Lisa Pendezza, nata nel 1994 a Milano. Laureata in Lettere con la passione per i viaggi, il benessere e la lettura, spera di riuscire a girare il mondo con una macchina fotografica in una mano e un romanzo nell'altra. Amante dei libri, si limita per ora a leggerne molti, con il sogno nel cassetto di scriverne uno.