India, 4 persone considerate stregoni torturate e uccise: 10 arresti
Esteri

India, 4 persone considerate stregoni torturate e uccise: 10 arresti

stregoni India

Quattro persone anziane dell'India sono state torturate e uccise con l'accusa di stregoneria: 10 uomini sono stati fermati.

La polizia del distretto di Jumla, nello stato indiano dello Jharkhand, ha arrestato 10 uomini, che dovranno rispondere dell’uccisione di quattro persone nella notte tra sabato 20 luglio e domenica 21 luglio. Le vittime sono due uomini e due donne di età avanzata. Hanno subito una violenta tortura, che le ha portate alla morte con l’accusa di stregoneria.

L’accusa di stregoneria

Secondo quanto è stato riportato dall’agenzia di stampa Pti, quattro anziani di sessanta, sessantacinque, settantaquattro e settantanove anni, due uomini e due donne, appartenenti a una comunità tribale del villaggio di Nagar Shikari in India sono stati uccisi. Alcuni testimoni del villaggio hanno raccontato che le vittime sono state portate via dalle loro case tra l’1 e le 3 di notte di domenica 21 luglio da più di 10 persone mascherate. I quattro sono morti dopo essere stati torturati con violenza. Secondo quanto ha riferito l’agente di polizia Anjani Kumar Jha, le persone del villaggio pensavano che fossero degli stregoni.

Infatti spesso le persone facevano loro visita per chiedere aiuto. Alcuni testimoni hanno detto che gli assalitori li hanno picchiati e poi hanno tagliato loro la gola. E’ stata aperta un’indagine sul caso: non si tratta del primo delitto di questo tipo. Premchand, il presidente dell’associazione di avvocati Free Legal Air Committee, ha dichiarato che accusare qualcuno di essere uno stregone è uno dei modi che si usa di più in India come pretesto per togliere le proprietà alle persone.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.