×

Virus Cina, casi sospetti in Francia e Scozia: sale allerta in Europa

Condividi su Facebook

In Francia e Scozia sono in corso le indagini su cinque persone provenienti da Wuhan (Cina) sospettate di aver contratto il virus 2019-nCoV.

Coronavirus sondaggi

Allarme in Francia, dove ci sarebbe un caso sospetto di coronavirus, vale a dire il virus originario della Cina che ha già provocato 25 vittime e sta mettendo in allarme diverse nazioni. Se venisse confermato si tratterebbe del primo caso in Europa.

Virus Cina in Francia

A sollevare i sospetti è stata una donna cinese giunta sul territorio francese da Wuhan, la città dove il contagio ha avuto inizio. Ha messo piede in Francia mercoledì 22 gennaio 2020 e avrebbe accusato sintomi quali febbre e tosse. A riferirlo è la stampa locale che ha citato una dichiarazione dell’ambasciata cinese in Francia. Anche il ministro della Salute francese, Agne’s Buzyn, ha ammesso che sono in corso indagini, pur non confermando il caso.

Anche la Scozia è alle prese con quattro individui sospettati di avere questo virus. Questi sono tutti giunti nel Regno Unito con un volo da Wuhan nei giorni successivi all’allarme.

Dopo aver accusato problemi respiratori, sono stati ricoverate per accertamenti.

Intanto in Cina le vittime del virus 2019-nCoV sono salite a 25, mentre i casi di contagio a 616. I virologi hanno spiegato che la specie umana avrebbe preso il virus dai serpenti, a cui a loro volta sarebbe stato trasmesso dai pipistrelli. Per evitare ulteriori casi la Cina ha messo in quarantena Wuhan, Huanggang ed Ezhou, città situate nella regione dove è scoppiato il focolaio dell’infezione. Pechino e Macao hanno anche cancellato le feste originariamente previste per il festeggiare il Capodanno.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche