×

La prigione di Bodmin, uno dei luoghi più spettrali dell’Inghilterra

Condividi su Facebook

La storia della prigione di Bodmin è unica: dopo la sua chiusura nel 1927 è diventata uno dei luoghi più spaventosi dell'Inghilterra

La prigione in Inghilterra
La prigione di Bodmin

Costruita nel 1802, la prigione di Bodmin è situata ai margini di Bodmin Moor in Cornovaglia. Sir John Call progettò nel 1779 l’intera struttura dopo una legge che approvava la costruzioni di tre nuovi carceri. Per la costruzione usò alcuni prigionieri di guerra.

La prigione di Bodmin

Tra il 1802 e il 1909, 32 detenuti furono giustiziati all’interno del carcere. I primi due che furono portati alla forca il primo settembre 1802 dopo alcuni mesi di carcere furono William Lee e John Vanstone dopo aver commesso una rapina. La prima detenuta ad essere giustiziata fu invece Elizabeth Osborne dopo aver incendiato una catasta di mais appartenente a John Lobb. L’ultimo uomo a essere impaccato il 20 luglio 1909 sulla forca della prigione di Bodmin fu il 24enne William Hampton dopo aver ucciso la propria ragazza.


Dopo molti anni, la prigione iniziò un lento declino e a causa dei pochi prigionieri, il carcere chiuse nel 1927 dopo che l’ultimo prigioniero lasciò le porte della prigione nel luglio del 1916.

Dalla data di chiusura il carcere fu completamente abbandonato. Storie paurose di fantasmi e racconti spettrali sono girate tra le mura dell’edificio. Fino al 2004 quando il sito è stato poi comprato. Oggi, l’ex prigione di Bodmin è un museo e un hotel. Questi permettono ai visitatori di immergersi e vivere nella storia dell’edificio ma ovviamente nel giusto comfort, ogni suite dell’albergo è costituita da tre celle della vecchia prigione.

Nato a Milano nel 1999, si è diplomato in informatica e telecomunicazioni, studia scienze internazionali e istituzioni europee all'Università degli Studi di Milano. Collabora con Notizie.it e Il Giorno.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Federico Dedori

Nato a Milano nel 1999, si è diplomato in informatica e telecomunicazioni, studia scienze internazionali e istituzioni europee all'Università degli Studi di Milano. Collabora con Notizie.it e Il Giorno.

Leggi anche