×

Maddie McCann, c’è una svolta sulla bambina scomparsa in Portogallo?

Cosa nasconde un giardino di Hannover sulla vicenda della piccola Maddie McCann? Lo dirà la procura, che coordina le indagini.

maddie scomparsa portogallo bambina

Ancora non si può parlare di svolta, ma sul caso di Maddie McCann, la bambina scomparsa in Portogallo, potrebbero esserci novità importanti: stavolta, in Germania. È quanto riferisce il giornale tedesco Bild online. Ancora non sono noti i dettagli della vicenda, ma potrebbe esserci una relazione con il suo sospetto omicida.

Il caso della piccola Maddie

Nel 2007, la piccola Maddie McCann – allora di soli tre anni – sparì su una spiaggia in Portogallo. Il principale sospettato della sua scomparsa è Christian Brueckner, pedofilo e spacciatore tedesco 43enne.

A nulla sono valse le strenue ricerche dei sommozzatori e dei Vigili del fuoco lungo Boca Do Rio, dove l’uomo sarebbe stato avvistato spesso. La rete dei sospetti si è infittita per gli inquirenti. Brueckner, fermato, si trova attualmente in un carcere a Kiel in custodia cautelare, arrestato per spaccio di droga. Alcune testimonianze alimenterebbero i sospetti su Brueckner. Intervistata dal periodico tedesco Bild un’ex impiegata del chiosco gestito dall’uomo, Lenta Johlitz, ha affermato: “Una volta ha perso del tutto il controllo quando ci siamo seduti insieme con alcuni amici e abbiamo avuto una conversazione sul caso Maddie.

Voleva che smettessimo di parlarne e gridò: Adesso la bambina è morta e basta. Puoi far scomparire rapidamente un cadavere! Anche i maiali mangiano carne umana!“.

Maddie, la bambina scomparsa in Portogallo, in Germania?

Ora una nuova svolta nel caso. Nella città di Hannovers, un giardino è stato perquisito con un’escavatrice, su mandato della procura di Braunschweig. Si cercano resti della bambina su quel terreno? Che relazione c’è tra la perquisizione e il sospetto omicida Brueckner? I dettagli non sono stati resi noti dalla polizia locale.

La stessa procura nei mesi scorsi aveva affermato – fuori da ogni dubbio – che la bambina sarebbe stata uccisa.

Il procuratore aveva fatto il nome di Brueckner, per poi specificare: “rivelare troppi dettagli troppo presto metterebbe a repentaglio le indagini“. Intanto i genitori sperano che – finalmente – si possa arrivare a una svolta sul caso.

Contents.media
Ultima ora