×

Ragazza morta di Covid scriveva: “Non lo auguro al mio peggior nemico”

Morta per Covid a 28 anni, nei giorni del ricovero una ragazza inglese raccontava di non voler augurare la malattia neanche al suo peggior nemico.

ragazza morta regno unito 768x542

Arriva dal Regno Unito la storia di una ragazza di soli 28 anni, morta di Covid a poche settimane dal ricovero, e dei messaggi che questa aveva scritto sul suo profilo Facebook durante la degenza ospedaliera. Laura Gentry era nativa di Kessingland, nella contea inglese del Suffolk, e lavorava come operatrice sanitaria fino a quanto alla fine del 2020 non venne ricoverata in ospedale per dei sospetti dolori addominali.

Da qui la scoperta della positività al coronavirus e la lunga agonia fino al decesso, giunto nella giornata del 17 gennaio scorso.

Covid, ragazza morta nel Regno Unito

Ricoverata in ospedale con il sospetto di avere un banale appendicite, la ragazza venne in seguito trasferita al James Paget University Hospital di Great Yarmouth, dove a seguito del test emerse la positività al coronavirus. Nonostante la giovane età, in pochi giorni le condizioni della ragazza peggiorarono rapidamente, tanto da rendere necessario l’utilizzo di un ventilatore e il successivo trasferimento nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale, fino al decesso avvenuto il 17 gennaio.

Soltanto una decina di giorni prima, la 28enne scriveva sui social: “Non potrei augurare quello che sto passando io neppure al mio peggior nemico”.

Pochi giorni dopo il ricovero in ospedale la ragazza aveva invece voluto ringraziare la propria famiglia e i propri amici per la vicinanza che le stavano dimostrando: “Tutto quello che posso dire è grazie a tutta la mia famiglia e gli amici che mi hanno aiutato negli ultimi giorni e mi hanno tenuto compagnia con le videochiamate.

Non sono sicura di quando uscirà da qui, ma incrociamo le dita affinché ciò avvenga molto presto.

La morte della ragazza, che avrebbe dovuto sposarsi a breve con il suo fidanzato Jack Brighthouse, ha devastato i suoi familiari che a seguito dell’accaduto hanno aperto una raccolta fondi per poter pagare le spese del funerale. La sorella Amy ha scritto sul proprio profilo Facebook: “Mia sorella non ce l’ha fatta, ci mancherà sempre”.

Contents.media
Ultima ora